info@cralniguarda.com

02 64442327

MARTEDI-GIOVEDI-VENERDI

9:30-12-30

PER PRENOTAZIONI

Cristina Enea Spilimbergo 

Ufficio Convenzioni

0236592538 - 3290112288

convenzioni@teatromenotti.org


in ottemperanza alle normative vigenti, dal 6 agosto 2021 per accedere alle sale teatrali è necessario esibire il green pass all'ingresso


23 maggio | 9 giugno

CRISI DI NERVI

TRE ATTI UNICI DI ANTON ČECHOV

 

Regia Peter Stein
con Maddalena Crippa, Alessandro Averone, Sergio Basile, Gianluigi Fogacci, Alessandro Sampaoli, Emilia Scatigno

produzione Tieffe Teatro Milano

 

Gli atti unici del grande autore russo, ispirati alla commedia francese e al genere del vaudeville, sono stati rappresentati in tutto il mondo. Nelle tre opere che presentiamo, i personaggi di volta in volta si fanno prendere da crisi dinervi, si ammalano, sono preda di attacchi isterici o litigano in continuazione fra loro.

 

Ne "L'orso", il protagonista si trova coinvolto in un duello con una donna per un credito non restituito,  per poi ritrovarsi in ginocchio a chiedere la sua mano.  Ne "I danni del tabacco", il confuso oratore di una conferenza sulle conseguenze negative del fumo, racconta in realtà la vita misera e triste con la sua autoritaria moglie. Infine, ne "La domanda di matrimonio" un aspirante sposo si sforza di fare la fatidica domanda alla sua amata, ma viene travolto da una serie di eventi comici e imprevisti.

 

Un viaggio nell'opera di Anton Čechov, resa viva dalla genialità di Peter Stein e dal talento di un cast che promette di incantare e divertire il pubblico ogni sera.

 

Promo €14







Idee di felicità

con Claudio Pellegrini e Jacopo Sorbini

e la musica dal vivo di Riccardo Provasi e Olmo Bertozzi

 

Incontri e racconti, storie di grandi leader, di piccoli eroi del quotidiano e di scrittori militanti. Come Luis Sepulveda, Pepe Mujica,  Madre Teresa di Calcutta, passando per Epicuro e Bob Marley. 

Idee di felicità, parole e musica alla ricerca di quel diritto al piacere che è oggi il più rivoluzionario, democratico, umano degli obiettivi. Con la lentezza e la saggezza della lumaca, però. Perché anche noi possiamo smettere di correre verso una destinazione ignota, e ricominciare pienamente a esistere.

 

SABATO 18 MAGGIO ORE 18

DOMENICA 19 MAGGIO ORE 11

 

ACQUISTA ORA A €10,00

 






VIENI ALLA PRIMA A € 6,50

martedì 30 aprile alle ore 20:00

ESTATE IN DICEMBRE

di Carolina África Martìn Pajares
con Fiammetta Bellone, Elsa Bossi, Sara Cianfriglia, Elena Dragonetti, Alice Giroldini




ESTATE IN DICEMBRE

30 aprile | 5 maggio


"Estate in dicembre", scritto dalla pluripremiata autrice spagnola Carolina África Martín Pajares, è uno spettacolo corale, vivace e vibrante, interamente incentrato sulle donne.

Dirette da Andrea Collavino, le cinque attrici sul palco rappresentano diverse generazioni all'interno di una stravagante famiglia. Sono madri, figlie, nonne, che affrontano temi come l'amore, la morte, le ribellioni, gli affetti, le speranze e i sogni.

 

ACQUISTA ORA A  €6,50

 

PROMOZIONE SPECIALE A 6,50€ PER MARTEDI 30 APRILE ORE 20.00*

* i biglietti sono limitati




Text...


16 | 21 aprile
IL SEN(N)O

con Lucia Mascino


Scopri il monologo audace che esplora il controverso caso di una madre che consente alla figlia un intervento di ingrandimento del seno. Attraverso la performance coinvolgente di Lucia Mascino e la visionaria scrittura di Monica Dolan, "Il Sen(n)o" ci porta in un viaggio di riflessione su genere, sessualità e cultura contemporanea.

 

Promo €16,50




                                                                                 9 / 14 APRILE 


SPOSE

con Marianna Bargilli e Silvia Siravo

La straordinaria storia d'amore di Elisa e Marcela, pioniere del loro tempo che hanno sfidato leggi e convenzioni per vivere il loro amore senza confini.

Il loro matrimonio del 1901, il primo legale tra persone dello stesso sesso, è un'epica di coraggio, libertà e determinazione.

Un racconto avventuroso e toccante che sfida i limiti dell'epoca e ispira con la sua audacia.


Promo €12










15 | 17 marzo

LA CASA DEL SORDO
Capriccio su Goya

​​​​​​​

Ambientato a Bordeaux, racconta l'ultima notte di vita del pittore Francisco Goya.
La sua amante, Leocadia Zorilla, stimola la sua immaginazione e i suoi ricordi.
Lo spettacolo esplora gli eventi politici e culturali che hanno influenzato la vita di Goya, come l'Età della Ragione, il Romanticismo, l'Inquisizione e la Rivoluzione Francese. Si focalizza anche sulla sordità totale che ha colpito Goya all'età di 46 anni e sul suo esilio a Bordeaux.

Il termine "capriccio" si riferisce al genere artistico che combina elementi fantasiosi e improvvisati, tipici della musica, dell'architettura e della pittura.

Nel contesto teatrale, "La casa del sordo – Capriccio su Goya" esplora la vita di Goya attraverso un flusso di immagini, situazioni e pensieri che riflettono la sua decadente fisicità, la sua creatività, il suo desiderio di prestigio, la sua passione e la sua frivolezza. Lo spettacolo cerca di avvicinarsi al mistero della bellezza e della vita, mettendo in luce la dura verità che si cela dietro di loro.



Biglietti promo €12






13 marzo ore 20:00
AVE MARIA

La Morte si sente sola. Cerimonia per l'attrice María Cánep

con Julia Varley

Lo spettacolo evoca l'incontro e l'amicizia tra Julia Varley e l'attrice cilena María Cánepa. La Morte viene celebrata come simbolo della fantasia creativa e della dedizione di María, che ha lasciato un'impronta duratura dopo la sua partenza.

 

Biglietti promo €12



SUPPLICI

8 | 10 marzo

Traduzione di Maddalena Giovannelli e Nicola Fogazzi
Drammaturgia a cura di Gabriele Scotti
Regia di Serena Sinigaglia
Con  Matilde Facheris, Maria Pilar Pérez Aspa, Arianna Scommegna, Giorgia Senesi, Virginia Zini, Sandra Zoccolan, Debora Zuin
Cori a cura di Francesca Della Monica

 

Le Supplici è una tragedia scritta da Euripide, rappresentata per la prima volta nel V secolo a.C. La storia si concentra su un gruppo di donne di Argo, madri dei guerrieri. La drammaturgia curata da Serena Sinigaglia e Gabriele Scotti ha rielaborato una nuova traduzione del testo originale di Euripide. Sono stati inseriti brani di altri autori come Cioran, Machiavelli e Platone per arricchire il significato complessivo dello spettacolo. La regia ha previsto una riduzione a sole sette attrici che interpretano i vari personaggi, inclusi il coro e le madri. 

 

Biglietti promo €16,50




9 marzo ore 17:30


SUONO IL ROCK MA AMO BEETHOVEN, SUONO MOZART MA AMO I ROLLING STONES

 

con Omar Pedrini, Danilo Rossi e Paolo Gavezzani

 

Incontro tra mondi musicali, chiacchiere tra rock e classica, tra Omar Pedrini (rocker) e Danilo Rossi (storica prima viola del Teatro alla Scala), in un'affascinante contaminazione tra i generi musicali, in uno scambio di parole e musica guidato da Paolo Gavazzeni, Direttore Artistico del Macerata Opera Festival.

 

Acquista ora €10




8 marzo ore 18:00


Presentazione del libro
L'OFFICIANTE

Considerazioni sul mestiere dell'attore e sulla sua funzione sociale

 

con Ninni Bruschetta e Matteo Luterani

Esiste una analogia tra il mestiere dell'attore e la figura dell'officiante, tra il teatro e il rito e per questo motivo si è portati a ritenere che l'origine di questa disciplina si perda nel tempo e sia, in qualche modo, connaturata nell'uomo; ma la tradizione teatrale non può essere un'invenzione, né una moda o un'abitudine: essa è una necessità.

 

Ingresso libero


















FROM SYRIA: IS THIS A CHILD?

5 - 10 DICEMBRE 

Vincitore premio Young&Kids 2022 FIT Festival Lugano 
VIncitore menzione Premio Scenario Infanzia 2020 
Vincitore bando Alte Marche Creative 2021

Lo spettacolo fonde teatro, documentario e cinema attraverso un dialogo multimediale, combinando narrazione dal vivo e narrazione audiovisiva. Sul palco, c'è Giorgia, una ragazzina italiana di 15 anni, che racconta la sua vita quotidiana in Europa durante un periodo di pace, ma con il dolore di una guerra familiare. Incontra Abdo, un giovane rifugiato siriano, che attraverso un'inaspettata amicizia, le fa conoscere un'altra guerra: quella fatta di bombe ed esplosioni sotto cui vivono migliaia di coetanei di Abdo in Siria dal 2011. Lo spettacolo esplora il dolore in tutte le sue sfaccettature, bilanciando la storia personale dei protagonisti con la storia epocale della guerra in Siria. Utilizzando la tecnologia, lo spettacolo offre uno sguardo ravvicinato sul presente e mostra i volti della guerra e i suoi effetti.
"È questa la materia pulsante del giovane lavoro (che si avvale inoltre di attori non professionisti), l'eredità umana di un fare teatro che riflette una visione ben precisa dei due registi, l'impegno sociale che è sincera responsabilità, affidata ora a chi tra noi deve ancora scegliere chi vuole essere domani." Teatro e Critica


PROMOZIONE SPECIALE A 6,50€ PER TUTTE LE REPLICHE 
scrivendo a promozione@teatromenotti.org o telefonando al  numero 0282873611

* i biglietti sono limitati e dovranno essere ritirati in biglietteria almeno 30 minuti prima dell'inizio dello spettacolo. Non è possibile scegliere il posto, che verrà assegnato discrezionalmente dalla biglietteria nelle ultime file disponibili.





VARIAZIONI ENIGMATICHE


con GLAUCO MAURI e ROBERTO STURNO 

9 | 14 maggio

Glauco Mauri, uno dei più grandi nomi del teatro italiano, per la prima volta al Menotti.
 
"Parlare di maestro per Glauco Mauri, è quasi pleonastico; e con il tempo anche l'inseparabile giovin attore Roberto Sturno, che tanto giovane non è più ma socio in cartellone, è ormai assurto a tale rango."

La storia vede come protagonisti un genio misantropo contrapposto ad un giornalista che è riuscito ad ottenere un'intervista con lui.
Due uomini si scontrano in un'alternanza di crudeltà e di tenerezza, di ironia feroce e di profonda commozione: un'intervista che presto si trasforma in un'affannosa, affascinante scoperta di verità taciute.
Una partita a scacchi, un thriller psicologico, un incontro-scontro tra due uomini legati alla figura di una donna. 

 

BIGLIETTO SCONTATO a € 14 anziché € 21,50

SCRIVENDO A  convenzioni@teatromenotti.org


"ENTANGLED", con Gabriella Greison, venerdì 21 aprile alle ore 20

​​​​​​​convenzioni@teatromenotti.org



VERTIGINE DI GIULIETTA

COMPAGNIA blucinQue

dal 12 al 16 aprile

Oscillazione, volo, perdita di equilibrio, tensione, per un lavoro di ricerca sul movimento e la composizione tra teatrodanza, musica dal vivo, testo e discipline circensi, in uno spazio concettuale e fluido. Nel perimetro tracciato da una danza sul tema della "vertigine amorosa", che indaga un'anima incline al vacillare e al perdersi dei giovani amanti, trova spazio la composizione coreografica e sonora del lavoro di blucinQue: corpi, luce e musica live diventano voce di un medesimo canto, scandito in sequenze come brevi atti. L'uso della voce riporta, in inglese e italiano, parti del testo di Shakespeare, in forma musicale e ritmica. Pochi ed emblematici oggetti di scena e linee geometriche emergono quali elementi concreti e plastici, che si stagliano a contrappunto di questa atmosfera, dove i veri protagonisti sono il tempo e la distanza, la lotta e il dubbio.

A scandire il ritmo delle scene, l'alternanza dei brani tratti dal balletto di Prokofiev, per riscoprirne una nuova scrittura e un finale sospeso. La musica eseguita dal violoncello classico, processato dal vivo da Bea Zanin, coinvolge nella composizione fisica e sonora anche i performer. Accanto alla musicista, gli artisti Elisa Mutto, Alexandre Duarte, Federico Ceragioli, Vladimir Ježić, Michelangelo Merlanti e Ivan Ieri, sotto la direzione della coreografa e regista Caterina Mochi Sismondi. 


BIGLIETTO SCONTATO a € 14,00 anziché € 21,50


SCRIVENDO A  convenzioni@teatromenotti.org



6 aprile ore 18.00

PRESENTAZIONE DEL LIBRO

INTEROTTANTA

di Davide Steccanella con Nicola Erba


METTICI LA MANO

regia di ALESSANDRO D'ALATRI

 

dal 23 marzo al 2 aprile

Dopo aver riempito le platee di tutta Italia arriva al Menotti la messa in scena della nuova commedia scritta da Maurizio De Giovanni e diretta da Alessandro d'Alatri con i protagonisti della serie televisiva "Il Commissario Ricciardi": Antonio Milo, Adriano Falivene e un'inedita Elisabetta Mirra. 
Lo spettacolo nasce da una costola della saga de Il commissario Ricciardi ed è ambientato nella primavera del '43 in una Napoli devastata dai bombardamenti e dall'occupazione nazifascista, ma sempre carica di umanità e di amore per la vita. 
Un racconto inedito, potente e denso di significato, in cui rivive il rapporto di stima e affetto reciproco tra il brigadiere Maione e il femminiello Bambinella, dal vivo per la prima volta, uno con il rigore della divisa e l'altro con la leggerezza della femminilità travestita.


"BIANCO SU BIANCO", con la COMPAGNIA FINZI PASCA, giovedì 16 marzo alle ore 20

 

Continua la collaborazione con Opera San Francesco, a cui forniamo cibo non deperibile portato dal pubblico e consegnato in occasione delle prime degli spettacoli.



 

"COSÌ FAN TUTTE",

con LE EBBANESIS, martedì 7 marzo alle ore 20

 

 


PROGETTO WASQ


Dal 18 febbraio prende il via il festival WASQ, ovvero Workshop, Ambiente, Spettacoli e Quartieri. Realizzato da Fondazione CAP con il Teatro Menotti, Arca Milano, Legambiente Lombardia e Super, con il supporto di Fondazione Comunità Milano.

L'obiettivo è quello di valorizzare e promuovere i quartieri di Barona, Abbiategrasso, Stadera, Chiesa Rossa e San Cristoforo, riportando le persone a vivere ed animare queste zone della città. 
Tutte le attività sono GRATUITE
Clicca qui per scoprire tutti gli appuntamenti



MARIA MADDALENA

con LINA SASTRI

 

DAL 28 FEBBRAIO AL 5 MARZO

 


Da Fuochi Di Marguerite Yourcenar
Drammaturgia e regia di Lina Sastri
Con la collaborazione di Bruno Garofalo
con Lina Sastri
Filippo D'Allio e Gianluca Mirra

durata: 60 minuti


La storia di una mancanza che segna la vita di Maria Maddalena e la condanna a un destino di solitudine e infelicità, perché segnata da un'eterna ferita d'amore: così la Yourcenar racconta la storia di questa donna che passa dall'amore innocente per Giovanni a quello appassionato per Gesù fino alla dedizione più assoluta.

È un percorso inquietante e profondo nell'anima femminile. In scena con l'attrice interprete di Maddalena, due musicisti evocano musicalmente le atmosfere emozionali del racconto, che prendono corpo grazie alla voce dell'interprete. «È la grande passione di Maria Maddalena per Gesù, che la condanna a un destino di infelicità – spiega Lina Sastri. Ma è anche la solitudine del non amato o del respinto o dell'escluso. Porteremo in scena il percorso di un'anima che nasce innocente e, per vendetta, perché vittima di abbandono, cambia il suo destino, o crede di cambiarlo. Ma non ci riuscirà: l'amore e la passione la porteranno comunque di fronte alla ferita insanabile, al doloroso cammino di chi ama ed è abbandonato. Senza scampo»

 

BIGLIETTO SCONTATO a € 14,00 anziché € 34,00

 

SCRIVENDO A  convenzioni@teatromenotti.org

 

Vi ricordiamo che il teatro ha una convenzione con il parcheggio del Carrefour di Via Gustavo Modena, 8/10 presentando il tagliando timbrato dalla biglietteria.




IL GIARDINO DEI CILIEGI

di 

Anton Cechov

Commedia in quattro atti

Adattamento e regia di Rosario Lisma 

Con Milvia Marigliano, Rosario Lisma, Giovanni Franzoni, Eleonora Giovanardi, Tano Mongelli, Dalila Reas 

E con la partecipazione in voce di Roberto Herlitzka

durata
80 minuti prima parte – 60 minuti seconda parte


l'8 febbraio debutta in prima nazionale uno degli spettacoli più attesi della stagione, Il giardino dei ciliegi di Anton Cechov,  con la regia di Rosario Lisma e un cast di attori straordinari. L'ultima commedia del maestro russo sulla vita intesa come respiro, anima del mondo e speranza nel futuro. Ljuba e suo fratello Gaev, un tempo lieti, da bambini, tornano nell'età matura nel luogo simbolo della loro felicità appassita. La stanza chiamata ancora "dei bambini". Da cui si intravede il loro giardino dei ciliegi, un tempo motivo di vanto e orgoglio in tutto il distretto.

Ora però i tempi sono cambiati. I ciliegi non producono più frutti commerciabili, sono solo l'ombra di un passato che non tornerà più. Così le speranze, la gioia, l'amore, tutto ciò che era legato simbolicamente al giardino è andato perduto.

ACQUISTA I TUOI BIGLIETTI IN PROMO FINO AL 31/01




il 27 gennaio 2023 si celebra il ventiduesimo Giorno della Memoria, 78 anni dalla liberazione del campo di Auschwitz.
Il teatro Menotti propone due date, per raccontare la Storia da un altro punto di vista, quello della musica. 

 

CONFERENZA SPETTACOLO PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA 
ENTARTETE MUSIK - MUSICA DEGENERATA 
30 GENNAIO ORE 10,30
31 GENNAIO ORE 10,30

Una lezione-concerto, a cura  del Trio Iride e del Duo L'aura,  sulla "Musica Degenerata", che parte dalla mostra organizzata a Düsseldorf nel 1937, dal titolo "Entartete Musik", "Musica Degenerata", che aveva lo scopo di diffamare pubblicamente tutti quei musicisti che non rispondevano al concetto, fasullo e posticcio, di "germanicità", per arrivare ad approfondire la politica nazista di esclusione dalla vita culturale tedesca di tutta quell'arte considerata giudaica.

Un percorso storico-musicale necessario e potente che, attraverso la narrazione e l'esecuzione di brani di musicisti emarginati e banditi dal nazismo, ripercorre l'affermarsi del concetto di "razza" e approfondisce il processo d'integrazione dell'ebraismo tedesco nella vita della Germania di fine '800 per raccontare la feconda commistione delle due culture nella storia, con uno sguardo all'Italia e ai suoi musicisti ebrei.   Il nazismo comprese fin dall'inizio l'importanza della musica e dell'arte come strumento per canalizzare il consenso e mise in atto un'accurata opera di mistificazione storico culturale volta alla costruzione di un'ideologia razziale delle arti. Non solo vennero represse tutte le correnti artistiche innovative e le avanguardie, ma vennero perseguitati e proibiti anche tutti i musicisti di religione ebraica che avevano fatto la storia della musica e, in particolare, la storia della musica tedesca.  


Biglietti a 10.00€
Per informazioni e prenotazioni:  

convenzioni@teatromenotti.org
tel. 0236592538



UNO, NESSUNO E CENTOMILA

 

DAL 24 AL 29 GENNAIO

Con Pippo Pattavina, Marianella Bargilli,
Rosario Minardi, Giampaolo Romania, Mario Opinato
Regia Antonello Capodici
Musiche originali Mario Incudine
Scene Salvo Manciagli

durata: 120 minuti in due atti
 

Un'ironica, moderna, divertente, paradossale, leggera, istrionica versione teatrale del capolavoro di Luigi Pirandello. L' ultimo romanzo del genio agrigentino è la summa del suo pensiero, della sua sterminata riflessione sull'Essere e sull'Apparire, sulla Società e l'Individuo, sulla Natura e la Forma. L' Autore stesso, in una lettera autobiografica, lo definisce come il romanzo "più amaro di tutti, profondamente umoristico, di scomposizione della vita". 
Semplice, quasi banale, la trama. Il pretesto della complessa opera pirandelliana nasce dalla constatazione del signor Vitangelo Moscarda (Pippo Pattavina) di avere il  naso leggermente disallineato, complice l'ingenua osservazione della moglie Dida (Marianella Bargilli). Sembra una cosa da poco, ma non lo è affatto e diviene dramma quando in gioco c'è il crollo delle sicurezze acquisite, quelle su cui riposava indisturbato il senso dell'esistenza dei protagonisti. E poi c'è Gengè, ovvero sempre Moscarda, ma soprannominato così dalla moglie Dida che in lui vede il suo Vitangelo, diverso da come lui appare. Ricomporre i centomila frantumi del suo essere per sintetizzarli in una sola figura universalmente riconosciuta diviene così un bisogno fondamentale per Moscarda, che decide così di attuare una strategia per riscattare la sua condizione di usuraio agli occhi della gente comune, attraverso un plateale atto di generosità.  Ma lo sguardo della società non sarà benevolo, perché la maschera non può e non deve cambiare.

"Rappresentazione teatrale di indubbio spessore che la magistrale interpretazione di Pippo Pattavina ha ulteriormente elevato ad un'altezza da vertigini. Gestualità, pause ed intonazione vocale sono gli elementi che l'attore siciliano ha sapientemente plasmato ed intersecato trasferendo con misura e precisione la densità del messaggio pirandelliano."  Laplatea.it

"Una prova di valore, in grado di restituire una fedele ripresa (anche con espedienti di tipo cinematografico, come l'uso del flashback) del romanzo  pirandelliano che assomma le tematiche dell'essere e apparire; ne rispetta canoni e stile della narrazione, con un allestimento arioso, scenicamente sorprendente e quasi pittorico, in grado di disegnare un luogo non-luogo." 

 

BIGLIETTO SCONTATO a € 14,00 anziché € 21,50

 

SCRIVENDO A  convenzioni@teatromenotti.org

 

 




CHRISTMAS CARD
2 ingressi a 25€

FAMILIE FLOZ
Hokuspokus
10/15 gennaio

La magia  e la poesia delle maschere  berlinesi  


 

DAVID LARIBLE 
Destino di clown 
   5/8 gennaio

 

doppia replica alle ore 16:30 e alle ore 20

 il 6 e il 7 gennaio

 

 

 

David Larible con il suo nuovo incredibile spettacolo,  ancora una volta riesce a stupire, a far sognare e a far ridere a crepapelle. Accompagnato dalle musiche del pianista Mattia Gregorio, si improvvisa mago, cuoco alle prese con una montagna di piatti, cantante internazionale di karaoke, funambolo, musicista, lanciatore di coltelli con risultati esilaranti ma anche molto romantici.
Uno spettacolo per tutta la famiglia nei i giorni più magici dell'anno. 

 

 

BIGLIETTO SCONTATO a €16,50 per gli adulti e a €10 per i bambini (under 14)

 

SCRIVENDO A  convenzioni@teatromenotti.org

 


 

 

VIA DEL POPOLO

13 - 18 dicembre

Di e con SAVERIO LA RUINA

­

­

Via del Popolo, un tratto di strada di una cittadina del Sud che un tempo brulicava di attività: due bar, tre negozi di generi alimentari, un fabbro, un falegname, un ristorante, un cinema... Due uomini percorrono via del Popolo, un uomo del presente e un uomo del passato. Il primo impiega 2 minuti per percorrere 200 metri, il secondo 30 minuti. È la piccola città italiana a essere cambiata, è la società globalizzata. Ai negozi sono subentrati i centri commerciali e la fine della vendita al dettaglio ha portato via posti di lavoro, distruggendo un modello sociale ancora basato sulle relazioni personali.  

A cu appartènisi, chiedevano i vecchi paesani, a chi appartieni? E dalla tua risposta ricavavano le informazioni essenziali sulla tua identità. Via del Popolo è il racconto di un'appartenenza a un luogo, a una famiglia, a una comunità. Ma quei duecento metri rappresentano anche un percorso di formazione in cui sono gettate le basi della vita futura, dal quale emergono un'umanità struggente, il rapporto coi padri, l'iniziazione alla vita, alla politica, all'amore. E non solo, Via del Popolo è anche una riflessione sul tempo, il tempo che corre ma che non dobbiamo rincorrere, piuttosto trascorrere.  

 

 

PREZZO BIGLIETTO : € 8,00 anziché € 14,00

 



FAR FINTA DI ESSERE SANI

DAL 13 AL 30 DICEMBRE


­

Produzione TIEFFE TEATRO MILANO 
In collaborazione con la Fondazione Giorgio Gaber 
Di  Giorgio Gaber e Sandro Luporini 
Adattamento e regia Emilio Russo 
Con Andrea Mirò, Enrico Ballardini e Musica da Ripostiglio


Un grande successo di pubblico e di critica. 
Uno spettacolo che  emoziona,  diverte e  commuove. 
Applausi  lunghissimi e  canzoni indimenticabili cantate insieme.  
Sono passati quasi 50 anni, sono tanti, ma lo spettacolo del signor G è ancora terribilmente d'attualità: il disagio sociale e generazionale, le paure e le paranoie dell'uomo contemporaneo raccontate con la musica e le parole di un artista indimenticabile. 
Sul palcoscenico  Andrea Mirò, un'artista eclettica come pochissimi altri in Italia ed 

Enrico Ballardini, attore, musicista e cantautore. 
Le musiche sono arrangiate dalla travolgente band Musica da Ripostiglio, presente da anni sui palchi dei festival di jazz e sui palcoscenici teatrali di tutta Italia.


BIGLIETTO SCONTATO A € 14 


SCRIVENDO A  convenzioni@teatromenotti.org


Vi ricordiamo che il teatro ha una convenzione con il parcheggio del Carrefour di Via Gustavo Modena, presentando il tagliando timbrato dalla biglietteria.



4 dicembre ore 21.00
MONICA CASADEI

Visioni Pasolinane


La danza, fatta di corpo e anima, diventa mezzo potente per far rivivere il pensiero di Pasolini. Dalla donna-madre, pilastro della sua produzione poetica e cinematografica, alla libertà, dalla poesia, alla musica di Bach, con la quale crea un sodalizio artistico, fino alla sacralità del gesto, si attraversano testi e visioni dando vita ad un omaggio fatto di tensione e redenzione, sogni e utopie. Un affresco dell'umanità e dei suoi paradossi che nel passato, come nel presente, emozionano e aprono lo sguardo sull'esistenza.  


ACQUISTA


PREZZO CONVENZIONATI: € 8.00

​​​​​​​


 

4 dicembre ore 18.00
GIANNI BIONDILLO

Pasolini.Il corpo della città

 

ACQUISTA

 

 


 

3|4 DICEMBRE

 

CORPO ERETICO
 

MARCO BALIANI

Un dialogo serrato, spietatamente sincero, a tentare di sgomitolare
quei grovigli che, ogni volta che l'ho incontrato, mi hanno lasciato
inquieto. Contrasti e contraddizioni mai risolti, e che generano
invece altri ingarbugliamenti necessari a vedere le "cose" del
mondo da angolazioni inaspettate.
Sono tante le "cose" su cui dialogare con lui, sulle mutazioni sociali
avvenute, su quello che ha intuito e quello che ha travisato, sul suo
corpo "diverso", sempre al centro del suo agire, scandalosamente
in contrasto col mondo intorno, sulla sua mai esausta vena
pedagogica, sui suoi scritti pirateschi, sul suo giornalismo anomalo.
Ma l'elenco non serve, e poi è lungo, variegato, multiforme,
imprendibile come lo è lui nella sua continua ricerca di linguaggi
che sappiano parlare il suo tempo, spesso non coincidente con
quello della società.

 

ACQUISTA ORA

 

PREZZO CONVENZIONATI: € 14.00

 


 

30 NOVEMBRE | 2 DICEMBRE

 

ALÌ DAGLI OCCHI AZZURRI
 

Pier Paolo Pasolini

 

ACQUISTA ORA

 

PRENOTA IL TUO BIGLIETTO
PER LA PRIMA DEL 30 NOVEMBRE ALLE ORE  20.00

A SOLI €5!
scrivendo a  promozione@teatromenotti.org  o telefonando al numero 0282873611

 

PREZZO CONVENZIONATI: € 11,50

­

 


 

22|27 NOVEMBRE

 

MISERY
 

ARIANNA SCOMMEGNA

 

ACQUISTA ORA



POSSIAMO SALVARE IL MONDO PRIMA DI CENA

dal 15 al 20 novembre


­

Il capolavoro ambientalista dello scrittore Jonathan Safran Foer che racconta, con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica del nostro pianeta attraverso storie di famiglia, ricordi personali, episodi biblici, dati scientifici e suggestioni futuristiche. Lo spettacolo portato in scena dalla giovane compagnia Collettivo Menotti affronta un argomento che scuote gli animi con parole e musica potenti, capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio in cui la scienza lascerà il posto alle emozioni. La storia è messa in scena in un loft coabitato da giovani attivisti, studenti, musicisti, dove i temi ambientali si trasformano, da noiosi elementi di una discussione oramai un po' stanca, in materia incandescente con cui fare i conti qui ed ora. Una sorta di presa di coscienza di un futuro che non è poi così lontano come ci illudiamo di credere.


PREZZO CONVENZIONATI: € 11.50


­



IL COMPLEANNO 

di Harold Pinter

27 ottobre - 13 novembre


Regia di Peter Stein 
 
Con 
MEG Maddalena Crippa 
STANLEY Alessandro Averone 
GOLDBERG Gianluigi Fogacci 
PETEY Fernando Maraghini 
MC CANN Alessandro Sampaoli 
LULU Emilia Scatigno 




Lo spettacolo parte da una situazione apparentemente innocua per sfociare nell'inquietante. È il compleanno di Stanley, unico ospite di una locanda gestita da una coppia di coniugi accoglienti. Di Stanley non si sa molto, quasi nulla, se non che – forse – è il suo compleanno. Si farà una festa a cui prenderanno parte due avventori, capitati, tutt'altro che per caso, proprio lì. Brindisi, risate, improbabili giochi e intanto si scivola da un'atmosfera di apparente, seppur stramba, normalità verso una inquietudine, un'enigmatica angoscia di cui non si comprende la ragione. I personaggi e il pubblico soffocano in quel misterioso non detto e la gentilezza ostentata di tutti si rompe, esplode in momenti di violenza gratuita che bruciano veloci come fiammiferi. Non c'è molto da festeggiare. Non c'è niente da festeggiare...

Peter Stein è annoverato tra i più importanti artefici del teatro tedesco ed europeo nella seconda metà del Novecento, in particolare nel grande impeto creativo degli anni settanta, per aver realizzato progetti monumentali innovativi e spesso in spazi inconsueti. Fondatore negli anni Settanta e per quindici anni direttore della Schaubühne a Berlino Ovest di cui fecero parte interpreti d'eccezione come Bruno Ganz,  poi direttore al Festival di Salisburgo, ha frequentato i principali palcoscenici internazionali creando spettacoli fondamentali, toccando autori classici e contemporanei, offrendo letture altissime di Dostoevskij, Brecht, Čechov, Shakespeare, e dando vita a progetti innovativi e titanici.




PREZZO CONVENZIONATI: € 16,50 anziché € 34,00




CON TUTTI I SENSI


Emozioni per tutto l'anno

Musica dal vivo, libri, teatro, illustrazioni, danza

Debora Mancini presenta la terza edizione della rassegna "Con tutti i sensi - Emozioni per tutto l'anno" al Teatro Menotti. Cinque doppi appuntamenti domenicali, al mattino, per i piccolissimi di 0-36 mesi e 3-8 anni, dedicati ai cinque sensi per vivere emozioni tutto l'anno. 


Scopri di più




GABRIELLA GREISON

EINSTEIN & ME

18 | 23 ottobre

"La rockstar della fisica" (Corriere della Sera) ritorna al Menotti.

In un momento come questo in cui sentiamo la necessità di guardare fiduciosi al futuro, la storia di Mileva Maric (fisica, prima moglie di Einstein e madre dei suoi figli) raccontata da Gabriella Greison nello spettacolo Einstein & me ci permette di trovare energia vitale e grandi valori, di cui ora più che mai c'è tanto bisogno. Il monologo è la storia di una donna che ha vissuto scontrandosi con una società antica e maschilista, la storia di una sognatrice. Una metafora dell'alternarsi delle stagioni, con l'albero della vita a far da sfondo.


ACQUISTA ORA A 10 €

​​​​​​​



ROMINA MONDELLO
JACKIE 

13|16 ottobre

Ritorna dopo il grande successo degli scorsi anni, Jackie, tratto dal Premio Nobel Elfriede Jelinek. In scena una Romina Mondello straordinaria nei panni di Jacqueline Lee Kennedy Onassis. Dimenticate per un attimo i completi Chanel per lasciare spazio ad una donna divisa fra potere e piacere collocata in un altrove imprecisato.
Un'intensità coinvolgente che non può non emozionare


ACQUISTA



 

NOGRAVITY
EXODUS

27 settembre | 9 ottobre

 


ultimi giorni per assistere agli straordinari danzatori acrobati di NoGravity in scena fino al 9/10 con lo spettacolo Exodus, un'opera che riprende nelle immagini dei corpi dei danzatori la grande tradizione cristiana dell'arte rinascimentale , unendosi alla musica araba di Jordi Savall e accompagnati dalla voce ebraica del grande artista Moni Ovadia. Un incontro felice e miracoloso tra oriente e occidente.

 

Acquista ora il tuo biglietto a  €18 anzichè €34

 



IL PROGETTO CONTINUA A ROGOREDO

DAL 23 SETTEMBRE

NEL MAGICO "CHAPITEAU MENOTTI" IN PIAZZA TINA MODOTTI
CON OMAR PEDRINI, PAOLO ROSSI, MUSICA DA RIPOSTIGLIO, TANTE ACROBAZIE E LA MAGIA DEL CIRCO
CLICCA QUI E SCOPRI DI PIU'



.Lo Chapiteau Menotti è quasi pronto per l'inaugurazione di venerdì 23 settembre. Vi aspetta in piazza Tina Modotti per dare il via ad una settimana ricca di appuntamenti: teatro, musica e acrobazie saranno i protagonisti indiscussi del teatro-tenda, un luogo magico ed evocativo per un teatro del tempo presente. Un'immagine del passato che si trasforma per il futuro. Un segno concreto e simbolico del nostro fare e pensare teatro. Uno spazio aperto tutti i giorni e a tutte le ore per una Città senza Porte che prova a cancellare confini e pregiudizi.

E' quindi con enorme piacere che il Teatro Menotti vi invita all'inaugurazione che si terrà il 23 settembre alle ore 17:30 con la parata di unicorni luminosi che sfileranno sulla promenade Santa Giulia - Via Bruno Cassinari. La serata prosegue con i salti mortali dell'Havana Acrobatic Ensemble per terminare con la musica dello zio del rock Omar Pedrini. 

 

  • 16ddc53f-1359-3369-657a-aee2bcb98a2f.png
  • 1a470443-8d4d-048a-231a-284303d2912d.jpg
  • 50a0c9b3-ba86-20c7-67c2-60c82408ead2.jpg

 

L'incendio brucia ancora - Talkin' rap!

 

di Francesco Carlo
22 settembre ore 20:30

 

Come un podcast, ma meglio. E dal vivo! Aneddoti, riflessioni e curiosità per capire al meglio la musica che, più di ogni altra, rappresenta e racconta i nostri anni. Il rapper e scrittore Francesco "Kento" Carlo racconta alcuni episodi chiave in cui la storia del rap si è incrociata con la Storia.


Prezzo € 8,00

 

scopri di più >>


 

Recital

 

 con Paolo Rossi
20  settembre ore 20:30

 

Irriverente, rivoluzionario e incontenibile, Paolo Rossi porta in scena un happening che mescola la realtà con l'immaginazione accompagnato dalle note di Emanuele dell'Aquila e Alex Orciari. Una serata di improvvisazione disorganizzata che mette al centro il contatto diretto con il pubblico.


Prezzo € 12,00

 

scopri di più >>


 

Nonostante voi - Storie di donne coraggio

con Livia Grossi
19 settembre ore 20:30

 

Un ironico monologo sulle storie di resistenza al femminile affrontato con un nuovo linguaggio che unisce due forme di comunicazione: giornalismo e teatro. Un reading che tra parole e musica s'interroga sull'identità individuale e pubblica, sull'informazione e la sua reale condivisione.


Prezzo € 8,00
 

scopri di più >>


 

Laudato si'

 

con Moni Ovadia
18 settembre ore 20:30

 

Moni Ovadia, scrittore, uomo di cultura agnostico ma da sempre vicino alla spiritualità e agli interrogativi propri degli uomini di fede legge e commenta l'enciclica di Papa Francesco. Un reading in cui si evidenzia la forza rivoluzionaria che denuncia l'attuale situazione climatica. 


Prezzo € 12,00

 

scopri di più >>


 

Africa racconta

di Modou Gueye
17 settembre ore 20:30

 

Parole, storie e suoni si intrecciano in un momento di intimità tra il pubblico e gli artisti. Un incontro che vi immergerà nel Senegal più profondo dove i battiti del tamburo parlante e le vibrazioni della voce del cantante vi riporteranno alle terre rosse d'Africa.  


Prezzo € 8,00

 

scopri di più >>


 

Masculu e fìammina

 

con Saverio La Ruina
16 settembre ore 20:30

 

Coraggioso, ironico e commovente, Saverio La Ruina porta in scena uno spettacolo indimenticabile. Un uomo semplice parla con sua madre. Una mamma che non c'è più. Lui la va a trovare al cimitero. Si racconta a lei, le confida con pacatezza di essere omosessuale.


Prezzo € 8,00

 

scopri di più >>


 

Italianesi
 

con Saverio La Ruina
15 settembre ore 20:30

 

Uno degli attori più premiati del teatro italiano porta in scena uno spettacolo straordinario. Alla fine della seconda guerra mondiale migliaia di soldati e civili italiani rimasero intrappolati in Albania con l'avvento del regime dittatoriale.


Prezzo € 8,00

 

scopri di più >>


 

Petrolio - Il racconto del petrolio lucano

con Ulderico Pesce
12 settembre ore 20:30

 

Il teatro di Ulderico Pesce pone il pubblico davanti ad interrogativi etici e morali. Petrolio narra innanzitutto la bellezza mozzafiato della Basilicata, ma anche del giacimento di petrolio più grande dell'Europa continentale.


Prezzo € 8,00

 

scopri di più >>


Moro: i 55 giorni che cambiarono l'Italia

con Ulderico Pesce
11 settembre ore 20:30

 

Uno dei più grandi interpreti del teatro civile italiano racconta le zone d'ombra del rapimento e dell'uccisione dello statista democristiano. Una storia commovente e intensa su uno dei periodi più controversi della storia politica italiana. 


Prezzo € 8,00

 

scopri di più >>


 

Cari amici,
provate ad immaginare un paese dove le case non hanno porte, i negozi sono sempre lasciati senza lucchetti e blocchi alle saracinesche e gli abitanti non si sentono minacciati. Questa città nella realtà esiste ed è in India nello Stato del Maharashtra si chiama Shani Shingnapur. In quella cittadina, ormai diventata meta di pellegrinaggio anche turistico, gli abitanti si sentono sicuri grazie alla devozione del Dio di Saturno, considerato il custode del villaggio. 
Abbiamo immaginato una Milano senza porte, mentali, politiche, culturali, per ridurre le distanze, guardare un po' più lontano dal nostro consueto e provare a tracciare una linea di continuità lungo una direzione che ci ha portato, quasi naturalmente, a sud-est nei quartieri di Corvetto, Porto di Mare, Rogoredo e Santa Giulia alla ricerca di nuovi spazi e incontri. 
Un progetto culturale realizzato CON e PER le persone, che si articolerà in azioni e attività per la valorizzazione dei luoghi e della loro storia. 
Abbiamo immaginato una città senza porte perché libera, senza porte perché aperta, senza porte perché condivisa. 



17 LUGLIO ORE 19.00
TEATRO DELLE ARIETTE
INTORNO A UN TAVOLO 


Solo 30 spettatori attorno ad un grande tavolo. 3 attori che servendo acqua e vino, focacce, formaggio, verdure e tagliatelle, raccontano storie di vita, di teatro, di agricoltura, di paura di volare, di amici e di cinghiali.  Una cena indimenticabile sotto il cielo nello splendido cortile di palazzo Sormani.


ACQUISTA ORA GLI ULTIMI BIGLIETTI




16 LUGLIO ORE 19:30
DANILO ROSSI & THE NEW GIPSY PROJECT


Un progetto coraggioso e visionario che unisce generi musicali apparentemente lontani. Uno dei rarissimi esempi in cui un musicista classico e un ensemble rom si fondono in un percorso musicale nel quale le differenze culturali arricchiscono le rispettive esperienze artistiche. Il progetto nasce dall'idea della storica prima viola del Teatro alla Scala Danilo Rossi di unire la tradizione musicale gipsy con il repertorio dei grandi compositori romantici e contemporanei che si sono ispirati alla musica folk e tradizionale gitana.


Acquista ora a €10



 

PAOLO ROSSI
PANE O LIBERTA'

 

Paolo Rossi racconta tra parole e musica, l'incontro fortunato con i grandi maestri del passato – come Jannacci, Gaber, De André, Fo – rievocando, attraverso le loro idee e i suoi sogni, storie che aiutano a resistere, a scegliere, a sperare. Un teatro d'emergenza? Delirio organizzato? Serata illegale? Teatro di rianimazione? Comunque un teatro di domande. 

PS: Recitando col pubblico, e non al pubblico, ai presenti in sala è consentito intervenire, chiedere, interrompere, soprattutto restare svegli. E comunque, pur rispettando le vigenti norme sulla distanza sociale, qui, in questo teatro, la quarta parete non esiste. 

 

Ultimi biglietti

 


 

Solo in scena e seduto su una sedia Marco Baliani, uno dei protagonisti indiscussi del teatro di narrazione italiano, incanta da 22 anni il pubblico di ogni età, narrando la storia di un'ingiustizia realmente accaduta nella Germania del 1500. 
Una rappresentazione straordinaria, una recitazione corporale ed epica che commuove e incanta.



ACQUISTA ORA A 12.00 €

 



Il giorno aveva 5 teste, il mitico album di Lucio Dalla,  è stato una pietra miliare della musica popolare. Uno degli esempi più alti di poesia sonora del Novecento torna in scena oggi, guidato dalla voce intensa ed emozionante di Peppe Servillo, Mario Tronco e gli Anidride Solforosa, gruppo nato dai segmenti degli Avion Travel e dell'Orchestra di Piazza Vittorio.


ACQUISTA ORA A 18.00 €



 

Considerata la massima espressione in Italia della comicità nel teatro musicale, la Banda Osiris porta in scena uno spettacolo esilarante, dissacrante e senza freni. 
Attraverso musica composta e scomposta, musica da camera e da balcone, Beatles e Vasco Rossi, la Banda Osiris tratteggia il ritratto impietoso della figura del musicista: presuntuoso, permaloso, sfortunato, odiato, e raramente amato.

 

ACQUISTA ORA A 16.00 €

 

dal 4 luglio al 3 agosto

 

 il Teatro Menotti si trasferisce nello splendido scenario della Corte d'Onore di Palazzo Sormani in corso di porta Vittoria 6 ,  con spettacoli imperdibili ed artisti eccezionali. 


Approfitta subito delle promozioni che ti abbiamo riservato, i posti sono limitati! 

 


VIA NOMENTANA

5 giugno ore 20

­

Alle 6.39 di un giovedì mattina del 1999 Clara aveva già trascorso 18.142 ore e ascoltato 520 storiellette dagli intrecci pressoché ripetitivi, inventate dal padre per trascorre il tempo sulla trafficatissima via Nomentana, quando la grigio pollution Renault 19 decide di fermarsi e non ripartire. Una storia di formazione sullo sfondo mitico delle strade di Roma,  sugli anni 90 e la sua musica,  sotto la stella e le speranze di un nuovo millennio in arrivo.

­

­

­

PROMOZIONE SPECIALE € 5,00

PRENOTANDO A:

convenzioni@teatromenotti.org



 

29 MAGGIO ore 20.00

 

KENTO

BARRE live!

conKento, Simba e 33
 

ACQUISTA ORA

 


 

28 MAGGIO ore 20.00

 

FRUSCIANTE RACCONTA IL CINEMA

di e con Federico Frusciante

 

ACQUISTA ORA

 



26 e 27 MAGGIO ore 21.00


HO PORTATO UN COCOMERO


Una millennial fuori luogo -tratto da una storia vera

Scritto e interpretato da Luisa Bigiarini

Produzione e organizzazione BUSTER


ACQUISTA ORA


 

26 e 27 MAGGIO ore 20.00

 

WORK, BITCH!

 

Scritto e interpretato da Marianna Folli

Collaborazione drammaturgica Teo Guadalupi

 

ACQUISTA ORA

Abbonamento COMEDY: guarda Work, bitch + Ho portato un cocomero a €20 anziché €23

 


 

24 e 25 MAGGIO ore 20.00

 

AUDIZIONE

 

Un progetto di Le Ore Piccole / Compagnia Dunamis
regia Daniele Santisi
con Matteo Carabelli, Chiara Arrigoni e Andrea Ferrara

 

ACQUISTA ORA

 



19 e 20 MAGGIO ORE 20.00


LIBERAMENTE ISPIRATO A
LA MASCHERA DELLA MORTE ROSSA


Testo e regia Simone Corso
Drammaturgia  Jovana Malinarić
con Carmelo Crisafulli, Giuditta Pascucci, Claudio Pellegrini
Produzione Nutrimenti Terrestri


Il racconto di Poe, pubblicato nel maggio del 1842, narra di come il principe protagonista della vicenda passi le sue giornate di quarantena rinchiuso dentro la sua dimora, attorniato da parenti e cortigiani, organizzando feste in maschera e banchetti, mentre fuori dalle mura il mondo è funestato dalla pandemia da Morte Rossa.
Le pandemie sono la normalità. Ci sono sempre state, sempre ce ne saranno. In molte città d'Italia c'è una via del Lazzaretto, reliquia di tempi che ci paiono lontanissimi, di un mondo ormai perduto. 
E' la storia di quel principe che cerca di sfuggire alla normalità per preservare il mondo che conosceva che s' interroga sull'oggi, sul prima e dopo la pandemia.
Ma quale dopo è possibile? Cercheremo una risposta, sera dopo sera, con il pubblico.


ACQUISTA IN PROMOZIONE A 5,00


ACQUISTA ORA



 

Oggi alle ore 18.00 , un brindisi con lo studio d'arte Very Seri Lab che inaugura la mostra "Eppur tutto si realizza" nel foyer del Menotti

 


 

MARTEDI 17 MAGGIO ORE 18.00

 

IL TEATRO MENOTTI PRESENTA 
CONTEMPORANEA 2022
I LINGUAGGI DELLA NUOVA GENERAZIONE

 

Una vera e propria invasione creativa da parte di oltre cento artisti delle nuove e nuovissime generazioni chiamati a confrontare i diversi linguaggi espressivi.
Dal teatro, alla danza, dalla musica d'autore al rap, dall'arte visiva al cinema, dalla filosofia alla stand up comedy.

Scopri gli artisti di Contemporanea 2022

 

SCOPRI LA RASSEGNA

 

TI ASPETTIAMO ALL' APERITIVO DI PRESENTAZIONE
MARTEDI 17 MAGGIO ALLE ORE 18.00!
INGRESSO LIBERO

 

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI 
promozione@teatromenotti.org - tel. 0282873611

 


 

Dal 26 aprile al 5 maggio, il teatro Menotti dedica una personale ad Alessandro Benvenuti, il comico toscano dal linguaggio tagliente, ironico e corrosivo. Fondatore dei Giancattivi insieme ad Athina Cenci e Francesco Nuti , ha diretto  commedie indimenticabili e surreali ed oggi è uno dei pestiferi pensionati dei Delitti del Barlume che passano il tempo al bar di Pineta a giocare a carte, a bere sprizzini e ficcare il naso nelle morti sospette della cittadina toscana. 
A teatro porta tre spettacoli divertenti e commoventi in cui prendono vita personaggi estrapolati dalla vita di tutti i giorni e trasformati in archetipi del disagio e della tragicomicità contemporanea.
In CHI È DI SCENA, PANICO MA ROSA, UN COMICO FATTO DI SANGUE ridiamo irresistibilmente e poi inevitabilmente e quasi senza accorgercene ci troviamo a pensare alle nostre fragilità e agli aspetti più nascosti  di quella cosa che continuiamo a chiamare vita.
E allora Benvenuto al Menotti caro Alessandro Benvenuti!

 

PROMO NEWSLETTER A 11,50€ * 
PER TUTTI GLI SPETTACOLI

 

ACQUISTA ORA

 

 

CHI E' DI SCENA

SCRITTO E DIRETTO DA ALESSANDRO BENVENUTI
CON ALESSANDRO BENVENUTI ,  PAOLO CIONI E MARIA VITTORIA ARGENTI
26-27-28 APRILE 

Uno stravagante e chiacchierato uomo di teatro scomparso dalle scene improvvisamente e apparentemente senza un plausibile motivo da cinque anni, viene rintracciato da un giovane fan a cui rilascia un'intervista  surreale mentre una giovane donna seminuda sembra  dormire su  una chaiselongue...

ACQUISTA ORA A 11,50 €

 

 

PANICO MA ROSA
DAL DIARIO DEL TEMPO SOSPESO
DI E CON  ALESSANDRO BENVENUTI
29 APRILE /3 MAGGIO

59 giorni di lockdown. 59 pagine di diario che raccontano l'isolamento obbligatorio di un autore attore che, privato del suo naturale habitat, il palcoscenico, decide di uscire dalla sua proverbiale ritrosia e raccontarsi per la prima volta pubblicamente e con disarmante sincerità come persona. Insomma, potremmo dire che, drammaturgicamente parlando, 'Panico ma rosa' è di genere Po Ca Co: Poetico Catastrofico Comico.

ACQUISTA ORA A 11,50 €

 

UN COMICO FATTO DI SANGUE

DI E CON ALESSANDRO BENVENUTI
4  e 5 GIUGNO 

L' attore analizza, con un linguaggio comico modernissimo e con una chirurgica spietatezza, i rapporti tra i membri di una famiglia italiana. E più i fatti si fanno preoccupanti più diventano divertenti.

ACQUISTA ORA A 11,50 €

 


Tornano finalmente al Menotti i Familie Flöz, la compagnia berlinese che vanta, con i suoi spettacoli silenziosi, migliaia di repliche in 34 paesi e di premi negli ultimi 25 anni. Fascino, ironia, poesia, malinconia, sogno e ilarità rendono i loro spettacoli imperdibili. 
La poesia delle maschere e le fulminee trasformazioni trascinano il pubblico in un mondo di luminosa comicità dando vita ad un indimenticabile spettacolo di suggestioni e magia.

­

­

TEATRO DELUSIO

22, 23 E 24 MARZO




In scena tre tecnici instancabili Bob, Bernd e Ivan divisi dal luccicante mondo del palcoscenico solo da un misero sipario eppur lontani da esso anni luce che lottano per realizzare i propri sogni. Le loro vite all'ombra della ribalta si intrecciano al mondo scintillante dell'apparenza. E all'improvviso loro stessi si ritrovano ad essere i protagonisti di quel palcoscenico che in fondo equivale al loro mondo. TEATRO DELUSIO gioca con le innumerevoli sfaccettature del mondo teatrale: in scena e dietro le quinte, fra illusioni e disillusioni, nasce uno spazio magico carico di umanità. La scena diventa backstage e sul palco si rappresentano diversi generi teatrali, dal mondo opulento dell'opera a selvaggi duelli di spada, da intrighi lucidamente freddi a scene d'amore passionali.




FESTE

DAL 25 MARZO AL 3 APRILE



In una maestosa villa sul mare tutto è pronto per la celebrazione di un matrimonio e della festa che seguirà. Dietro la villa si nasconde un cortile sporco e caotico dove il personale lavora senza sosta per cucinare, preparare, pulire e ordinare. I personaggi di "FESTE", fra tragedie e comicità, fanno del loro meglio per assicurare l'approvvigionamento e il perfetto funzionamento della magnifica villa sul mare. Condannati però a essere sempre fra i deboli e i vinti, lottano per la loro dignità e il rispetto da parte dei ricchi padroni. Improvvisamente il mare scompare, lasciando solo una distesa di sabbia e pietra. Per un momento tutto si ferma, tranne per la musica che continua a suonare, sempre più forte, perché l'amore va celebrato con tutti i mezzi possibili. FESTE è una favola per adulti senza parole. Una storia tragicomica, sul perseguimento della felicità individuale, ma dietro la quale c'è di più.


PROMO NEWSLETTER 
ACQUISTA I TUOI BIGLIETTI A 21,50€ *

* ultimi 100 biglietti


scrivendo a 

convenzioni@teatromenotti.org


ACQUISTA



 

FUGA DALL'EGITTO
uno spettacolo documentario sulla violazione dei diritti umani   

8-11 e 15-20  MARZO


IDEAZIONE E REGIA Nicola Di Chio, Miriam Selima Fieno
CON Nicola Di Chio, Yasmine El Baramawy, Miriam Selima Fieno
E CON LA PARTECIPAZIONE DI Bahey eldin Hassan, Taher Mokhtar, Ahmed Said
TESTI E DRAMMATURGIA Miriam Selima Fieno
MUSICHE ORIGINALI E MUSICHE LIVE Yasmine El Baramaw
PRODUZIONE Tieffe Teatro Menotti, Teatro Piemonte Europa,
Festival delle Colline Torinesi_Torino Creazione Contemporanea
IN COLLABORAZIONE CON Amnesty International, IAC (Inter Arts Center) Malmö,
ICORN, Malmö Stad Kulturförvaltningen


Lo spettacolo getta luce sul fenomeno della diaspora egiziana post-2013, ovvero su quei giornalisti, sindacalisti, artisti, medici, poeti, politici e attivisti per i diritti umani che,  minacciati di repressione e tortura in Egitto  a causa delle loro idee, sono stati costretti a scegliere la via precaria e dolorosa dell'esilio, dopo il golpe che ha riportato i militari al potere.
I nuovi esuli egiziani sono scappati dal loro Paese per sfuggire al carcere, a sommari processi di massa, a tentativi di cooptazione. Per alcuni l'esilio è arrivato dopo lunghi periodi di detenzione, segnati da torture fisiche e psicologiche.
Lo spettacolo porta sulla scena queste testimonianze attraverso un'esperienza tra teatro, cinema documentario e musica, che il pubblico vive assieme ai protagonisti in una dimensione che sovrappone due prospettive, una personale, intima e privata e una all'esatto opposto, vasta, contemporanea, politica, da cui emergono fatti, biografie, memorie.
Il progetto trae ispirazione dal libro "Fuga dall'Egitto inchiesta sulla diaspora del dopo-golpe" della giornalista Rai e docente universitaria Azzurra Meringolo Scarfoglio, ed è una performance che unisce il teatro documentario alla musica live, in un intreccio tra atto performativo e cinema del reale, sonorità orientali e sperimentazioni elettroniche.
 

PROMO NEWSLETTER

ACQUISTA ORA A 11,50 €

oppure scrivi a promozione@teatromenotti.org 
o telefona allo 0282873611/3479704557

 



PRESENTE!

1 - 2  MARZO


CON  DAVIDE  ABANESE, DIEGO DELFINO, MARCELLA FARACI , GIORGIA FORNO,
GIUSEPPE MONASTRA, MICHELE ONORI, MARTINA SCORDINO
REGIA  COLLETTIVA
MUSICHE ORIGINALI  SIMONE MATTEUCCI E FRANCESCO FIORETTI 

S P E T T A C O L O  V I N C I T O R E  D E L  P R E M I O  A L L A  P R O D U Z I O N E 
"S C I N T I L L E   2 0 2 0 "

S P E T T A C O L O   V I N C I T O R E  D E L  P R E M I O  G I U R I A  G I O R N A L I S T I 
"O M E R O A N T O N U T T I "  A L LE    G I O V A N I  R E A L T À  D E L  T E A T R O  2 0 1 9


Dal 2010 il bando di concorso Scintille premia e sostiene uno spettacolo di "nuova creatività". Scintille è nato e continua a vivere ad ASTITEATRO in collaborazione con il nostro Teatro Menotti e Piemonte dal Vivo. Domani debutta al Menotti lo spettacolo vincitore del 2020 PRESENTE! di Teatro Traverso di Bologna. Hanno vinto nella stagione più sfortunata della storia dello spettacolo dal vivo, hanno dovuto aspettare più di due anni prima di andare in scena. Hanno formato apposta la compagnia. Potevano darsi per vinti e finirla lì. Invece ci saranno. Loro sono bravissimi e il loro progetto era stato premiato dal pubblico (di Asti e di Milano) e da una giuria tecnica che intravedeva un grande potenzialità. Vi aspettiamo!

Emilio Russo


Presente! è il viaggio di ognuno di noi attraverso la vita.
Cosa avreste voluto dire al vostro insegnante quando avevate sedici anni? Cosa non avete mai avuto la possibilità di dire, di dimostrare? Cosa rifareste? Cosa cancellereste? Quali erano i vostri sogni? E adesso? Cosa siete diventati? Cosa vedete nel vostro futuro? Cosa è cambiato?
Presente! ci mostra i sogni vivi, quelli realizzati e quelli infranti.
Presente! ci riporta a scuola, dove sono nate le amicizie, gli amori, le scelte. Che fine ha fatto il liceale timido, la ragazza di cui eri innamorato, il ragazzo che non ti si filava, chi voleva fare il medico, chi il pilota di aerei, chi il professore di storia? L'insegnante che entra in classe chi era da ragazzo? 
Presente! cerca di riavvolgere il filo che collega la vostra infanzia al vostro futuro, passando attraverso le vostre esperienze e le vostre scelte. Vi mostra come è andata, ma anche come sarebbe potuta andare.
Presente! è il racconto di tante esperienze che intessono la gioventù con l'età adulta. Lo fa tramite confessioni e immagini che attraversano il mondo della scuola sia come luogo di formazione che come posto di lavoro.


PROMO NEWSLETTER

ACQUISTA ORA A 5,50 €

oppure scrivi a promozione@teatromenotti.org 
o telefona allo 0282873611/3479704557




LUCREZIA LANTE DELLA ROVERE 
L'UOMO DAL FIORE IN BOCCA
DI LUIGI PIRANDELLO


25 - 27  FEBBRAIO


di Luigi Pirandello
adattamento di Francesco Zecca
regia di Francesco Zecca
con Lucrezia Lante della Rovere
in collaborazione con Argot Produzioni


Il testo di Pirandello mette al centro il dramma di un uomo che decide di allontanarsi dalla vita e anche dalla moglie che rappresenta il passato, i ricordi, la vita stessa. Lo spettacolo con Lucrezia Lante della Rovere dà voce alla donna muta che Pirandello ha solo fatto intravedere, una donna a cui l'unica cosa rimasta è quella di "attaccarsi con l'immaginazione alla vita" cercando di non lasciar andare il marito. Un grande classico rivisitato da una delle attrici più eleganti e intense del teatro italiano.


PROMO NEWSLETTER

ACQUISTA ORA A 11,50 €

oppure scrivi a promozione@teatromenotti.org 
o telefona allo 0282873611/3479704557



POSSIAMO SALVARE IL MONDO PRIMA DI CENA 
DI JONATHAN SAFRAN FOER 


8-20 FEBBRAIO

Guarda il trailer

Scritto e diretto da Emilio Russo
Adattato da We are the weather di Jonathan Safran Foer
con Collettivo Menotti  


Jonathan Safran Foer, autore dell'indimenticabile best seller Troppo forte incredibilmente vicino, nel suo romanzo-saggio Possiamo salvare il mondo prima di cena racconta, con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica del nostro pianeta e lo fa alternando in modo originale storie di famiglia, ricordi personali, episodi biblici, dati scientifici e suggestioni futuristiche.

E per la prima volta arriva a teatro il capolavoro ambientalista, un testo trasgressivo, sorprendente, provocatorio per uno spettacolo coinvolgente e una storia che riguarda tutti. Lo spettacolo  portato in scena dalla giovane compagnia Collettivo Menotti  affronta un argomento che scuote gli animi, parole e musica potenti capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio in cui la scienza lascerà il posto alle emozioni.

In un loft abitato da giovani attivisti, studenti, musicisti,  i temi ambientali si trasformano, da noiosi elementi di una discussione oramai un po' stanca, in materia incandescente con cui fare i conti qui ed ora. Una sorta di presa di coscienza di un futuro che non è poi così lontano come ci illudiamo di credere.

Questo spettacolo ti rinfresca l'anima come l'acqua di fonte, scuote dal torpore, porta una festante joie de vivre, che conserva la voglia di curare il mondo, ed insieme il desiderio di trasmettere tutto questo. Milanoteatri.it

Lo spettacolo Possiamo salvare il mondo prima di cena, (...) è una presa di coscienza graduale. Lo spettacolo ha rotto davvero la quarta parete e il pubblico sta portando a casa una piccola consapevolezza: la necessità di dover fare qualcosa.  Fortementein Magazine


PROMO NEWSLETTER 

ACQUISTA ORA A 8 €


per tutte le repliche nei giorni 10, 11, 12 e 13 febbraio



 scrivi a convenzioni@teatromenotti.org 
o telefona allo 0282873611/3479704557



DONATELLA FINOCCHIARO
TADDRARITE
PIPISTRELLI

4, 5 e 6 FEBBRAIO


Testo e regia Luana Rondinelli
con Donatella Finocchiaro, Claudia Potenza e Antonia Truppo


Una storia focosa, intensa e crudele come la Sicilia.

Quando c'è molto freddo in Sicilia si dice che passano i taddrariti. Sono le donne costrette ad essere "pipistrelli", a vivere nel buio, continuando la difficile vita coniugale pur di "non far parlare la gente". 

Una storia vera di donne "sciroccate" prese alla gola dalla morsa del destino che le accomuna, dai segreti stretti in grembo, dalle lingue morse pur di non parlare. 

Tre sorelle vegliano, come nelle vecchie tradizioni siciliane, il marito morto della sorella minore. Il velo del silenzio, del pudore, delle bugie viene squarciato da un vortice di confessioni e dall'esplosione di emozioni. In un chiacchiericcio di musicalità e pungente ironia le donne vengono trascinate in un'atmosfera surreale quasi comica. 

Grottesca e ilare è la visione drammatica della vita di queste donne, si ride e si sorride, e si ha il coraggio di affrontare con sarcasmo le violenze mai confessate.

Passata la lunga notte, l'anima del defunto, secondo tradizione, ha finalmente lasciato la casa. Il nuovo silenzio che avvolge le tre sorelle è ora intessuto di forza, di voglia di reagire e combattere perché nessuna di loro  dovrà nascondersi e nascondere mai più. 



Taddrarite ha ricevuto il Premio Roma Fringe Festival per la migliore drammaturgia, la migliore attrice e il miglior spettacolo.

Taddrarite è una perla di ironia su una tematica seria, che schernisce la morte e beffeggia la sorte.  Teatronline.it

Taddrarite è uno splendido esempio di ottimo teatro, che rinfranca l'ottimismo lasciando intendere che in questo paese c'è chi ancora il teatro lo ama e lo sa fare davvero bene. Teatro.it
 
Uno spettacolo che va visto per la sua importanza sociale e per l'immediatezza, il sarcasmo e, a volte, il cinismo, con cui viene affrontato un tema tanto grave e contemporaneo come quello della violenza domestica.
Flaminioboni.it

PROMO NEWSLETTER
ACQUISTA ORA A 11,50 €

oppure scrivi a promozione@teatromenotti.org 
o telefona allo 0282873611/3479704557



DAVID LARIBLE
IL CLOWN DEI CLOWN
 


26/30 GENNAIO


  ll più grande clown classico del nostro tempo, esilarante e poetico


Scritto, diretto e interpretato da David Larible

Con Andrea Ginestra

Al piano M° Mattia Gregorio


David Larible è forse l'unico comico vivente in grado di esibirsi sia in piccole sale teatrali che al Madison Square Garden di New York, dove è stato visto da oltre 120.000 persone in un solo week end. Ha lavorato per dodici anni da solista negli Stati Uniti come star del Circo Barnum, il più grande spettacolo circense del mondo, allestito su tre piste.

Definito dalla stampa "il Clown dei Clown", suoi grandi ammiratori sono Francis F. Coppola, Richard Gere, Danny de Vito, Tom Cruise, Steven Spielberg, Leonardo di Caprio e Sandra Bullock. Woody Allen lo ha preteso per un suo Gala e Jerry Lewis ha voluto esibirsi con lui in uno sketch televisivo nella versione originale e leggendaria del suo Telethon. Julia Roberts lo  ha voluto nel film  Ocean's Eleven, Nicola Piovani ha dichiarato  di avere incontrato pochi artisti grandi come lui.

Poetico ed esilarante, malinconico e dirompente, col suo personaggio ispirato al Monello di Chaplin, conquista il pubblico grazie alla magia della sua comicità. Lo spettacolo è il racconto di un uomo delle pulizie che sogna di diventare clown e ci riesce. Arriva in punta di piedi, lo sguardo distratto, le mani in tasca, ma pochi gesti trasformano il suo incedere in una valanga di divertimento.
Tenuto a bada da un gran cerimoniere, l'attore Andrea Ginestra, Larible propone uno stile di clownerie unico al mondo, con brani musicali eseguiti con sei strumenti e in dieci lingue, accompagnato al pianoforte dal maestro Mattia Gregorio.  


Finalmente il  ritorno in Italia dopo diversi mesi di assenza, un'occasione per concedersi una straordinaria serata di risate ed emozioni.
Un clown per tutte le età, un artista a tutto tondo.


BIGLIETTI SCONTATI A € 18,00 (ADULTI) E € 10,00 (RAGAZZI FINO A 14 ANNI)

SCRIVENDO A convenzioni@teatromenotti.org


ACQUISTA ORA



 

A NATALE REGALA UN' EMOZIONE...

REGALA IL TEATRO

 

Regala un evento in esclusiva, un grande spettacolo internazionale, storie importanti di autori classici e contemporanei. 
Regala uno spettacolo che racconti l'attualità come Possiamo salvare il mondo prima di cena dal saggio di Jonathan Safran Foer o Fuga dall'Egitto che accende una luce sulla situazione dei diritti civili in Egitto, una delle peggiori al mondo o Taddrarite con Donatella Finocchiaro con una piece intensa ed emozionante contro la violenza sulle donne.   
Regala  i grandi classici rivisitati come l' omaggio a Gaber e al teatro canzone con Far Finta di essere sani e la rilettura de L'uomo dal fiore in bocca di Pirandello con Lucrezia Lante della Rovere. 
Regala un'immersione nella comicità con i tre spettacoli di Alessandro Benvenuti.
Regala i  Familie Floez, con le loro maschere e la loro magia poetica,  l'incredibile David Larible, il "più simpatico e applaudito clown del mondo" e l'evento più atteso dell'anno, il ritorno della Compagnia della Fortezza di Armando Punzo con uno spettacolo che lascia senza fiato, Naturae.

 

 

 

UNA CARD CON 2 INGRESSI A 25,00€ 

 

ACQUISTA ORA

 


UNA CARD CON 4 INGRESSI A 50,00€


ACQUISTA ORA


Ci spiace molto informarvi che purtroppo tutte le repliche dello spettacolo Far finta di essere sani (28,29,30,31 dicembre) sono state annullate, in quanto un componente della compagnia è risultato positivo al tampone Covid.
Lo spettacolo però sarà replicato il 14, 15 e 16 gennaio, per cui potrete spostare il biglietto oppure chiedere il rimborso scrivendo a biglietteria@teatromenotti.org o chiamando il numero 0282873611.



BIGLIETTO SCONTATO A € 16,50 PER LE TRE REPLICHE


SCRIVENDO A  convenzioni@teatromenotti.org


Vi ricordiamo che il teatro ha una convenzione con il parcheggio del Carrefour di Via Gustavo Modena, presentando il tagliando timbrato dalla biglietteria.


 

FINALMENTE IN SCENA LA VERSIONE DEFINITIVA  DELLO SPETTACOLO DEDICATO A GIORGIO GABER 

 

FAR FINTA DI ESSER SANI 
DAL 14 AL 31 DICEMBRE

 

Produzione TIEFFE TEATRO MILANO
In collaborazione con la Fondazione Giorgio Gaber
Di Giorgio Gaber e Sandro Luporini
Adattamento e regia Emilio Russo
Con Andrea Mirò, Enrico Ballardini e Musica da Ripostiglio
 

 

Sono passati quasi 50 anni, sono tanti, ma lo spettacolo del signor G è ancora terribilmente d'attualità. Stupisce e rincuora il fatto che Gaber sia riuscito ad anticipare i tempi, a raccontare la realtà come pochi altri al mondo, ma – allo stesso tempo – di andare oltre.
Dopo due anni di cancellazione dello spettacolo, a causa della restrizione dovute alla pandemia, finalmente in scena la versione definitiva di FAR FINTA DI ESSERE SANI di Giorgio Gaber.
Monologhi e canzoni per riscoprire quel percorso narrativo con cui Gaber e Luporini nel 1973 affrontavano i temi universali del disagio sociale e generazionale, puntando l'attenzione sull'essere schizoide dell'uomo contemporaneo. Da una parte pronto agli slanci ideali, dall'altra tenuto a terra dal proprio egoismo e dai finti bisogni materiali. Temi e contenuti quanto mai attuali in questo tempo segnato dal Covid.
Sul palcoscenico Andrea Mirò, un'artista eclettica come pochissimi altri in Italia, polistrumentista, autrice, cantante e direttore d'orchestra e Enrico Ballardini, attore, musicista e cantautore.
Le musiche sono arrangiate dalla travolgente band Musica da Ripostiglio, presente da anni sui palchi dei festival di jazz e sui palcoscenici teatrali di tutta Italia.
 

 

BIGLIETTO SCONTATO A € 16,50 PER TUTTE LE REPLICHE, ECCETTO PER QUELLA SPECIALE DI CAPODANNO:

 

                                    

Il 31 dicembre SPECIALE  CAPODANNO
doppia replica speciale per salutare il nuovo anno con la musica e le parole di Giorgio Gaber
alle ore 19.00 e alle ore 22.30 

 

ACQUISTA LA REPLICA DELLE 19.00

€ 35,00

ACQUISTA LA REPLICA DELLE 22.30

€ 55,00

 

 scrivi a convenzioni@teatromenotti.org
o telefona allo 0236592538/3479704557

 

Vi ricordiamo che il teatro ha una convenzione con il parcheggio del Carrefour di Via Gustavo Modena, presentando il tagliando timbrato dalla biglietteria.

 



CRONACHE DEL BAMBINO ANATRA
 8-9-10  DICEMBRE ORE 20.00


di Sonia Antinori
da un'idea di Maria Ariis e Carla Manzon 
con Maria Ariis e Massimiliano Speziani


La nostra società non ama le imperfezioni. Sollecitano il sospetto, in qualche caso il rifiuto. Si teme la differenza, quindi si evita di comprenderla. La vita degli imperfetti diviene solitaria, dolorosa, forse rancorosa. Questo spettacolo racconta gli imperfetti, a partire dall'età più bella, a volte disgraziatamente infelice: l'infanzia.
Una piccola storia d'amore  punteggiata di quegli ordinari strappi, di quelle incomprensioni e quei ritrovamenti, che riecheggiano nell'intimo di ogni esperienza umana. Mentre il bambino si fa adulto e la madre sempre più fragile, i ruoli si invertono. 
Uno  spettacolo sulle differenze e sulla dislessia definito dallo scrittore dislessico premio Pulitzer Philip Schultz  "la prima opera teatrale sull'argomento".
L'opera ha ottenuto il patrocinio dell'Associazione Italiana Dislessia, che ne ha riconosciuto il valore divulgativo e ne ha vigilato il rigore scientifico, e si avvale anche del patrocinio della Associazione Nazionale Pedagogisti Italiani.
 Quest'anno lo spettacolo è riproposto come omaggio al regista Gigi Dall'Aglio, la cui limpida partitura articola in una sequenza di quadri intensi e struggenti la relazione tra una madre e un figlio, smontata e rimontata con salti temporali che tratteggiano cinquant'anni di vita.



PRENOTA IL TUO BIGLIETTO SCONTATO A € 8,00 SCRIVENDO A convenzioni@teatromenotti.org

​​​​​​​



GIOVEDì 2 DICEMBRE ORE 21


TEATRO ALFREDO CHIESA 
VIA SAN CRISTOFORO 1 
MILANO


MILVIA MARIGLIANO

UN MARZIANO A ROMA

Di Ennio Flaiano
Regia e adattamento Emilio Russo
Con Milvia Marigliano
Musiche eseguite dal vivo da Raffaele Kohler


La straordinaria MILVIA MARIGLIANO accompagnata dalla tromba di  RAFFAELE KOHELER racconta la breve epopea del marziano Kunt . Nel 1954 Ennio Flaiano scrisse un breve racconto intitolato "Un marziano a Roma" nel quale con surreale naturalezza narrava il singolare, quanto imprevisto, atterraggio sulla terra di una aeronave da cui sbarcava un essere proveniente da Marte. Il tutto avveniva a Roma e precisamente a Villa Borghese.
Quell'idea è diventata in seguito un controverso spettacolo teatrale, un film e addirittura un modo di dire. È un'opera carica di satira sui costumi dell'Italia del dopoguerra e sulle dinamiche culturali della Capitale ed è ancora di enorme attualità.
L'epopea tragicomica di Kunt il marziano si consuma in pochi giorni, parte dal 12 ottobre per concludersi il 6 gennaio del 1954. A fare da contro canto alle disavventure del povero marziano, nella nostra narrazione, saranno le voci di un'intera città, che prima accoglie la novità come una speranza di una possibile vita migliore e poi beffeggia, dimentica e brucia. Le intuizioni visionarie di Flaiano anticipano l'idea di società effimera, omologata e in bilico, tra il reale e l'immaginario, alla vana ricerca di un senso al nulla virtuale che ci circonda.           



A SOSTEGNO DELL'ASSOCIAZIONE INGRESSO CON LIBERALITA' DA 10,00€
ENTRATA  SINO AD ESAURIMENTO POSTI
 NON SONO ACCETTATE LE  PRENOTAZIONI

Mascherina e green pass obbligatori

Info: comitatoponti@gmail.com



 

TUTTI I BIGLIETTI DELLA STAGIONE 2021/2022 A 10€ PER 24 ORE !!!


 dalle 00.01 alle 23.59 di venerdì 26 novembre potrete acquistare i biglietti per tutti gli spettacoli della stagione al
prezzo incredibile di 10,00€ 
Vai sul sito, scegli i tuoi spettacoli e acquista subito i biglietti per vivere insieme a noi una stagione piena di emozioni.

 

ACQUISTA ORA

 


UNA COMMEDIA DIABOLICA E IRRIVERENTE


METTI, UNA SERA A TEATRO

DAL 25 NOVEMBRE AL 5 DICEMBRE


 

di Lawrence Casler

 

con Alessandro Averone, Arianna Battilana, Alessia Giangiuliani, Mauro Santopietro

regia Alessandro Averone

 

"Questo spettacolo non ha bisogno di un pubblico. È favoloso così com'è. Il pubblico ha bisogno di questo spettacolo. Perché? Perché le persone vengono a teatro?"

 

Questa provocazione scritta da un giornalista americano denuncia lo stile irriverente e diabolico di questa commedia contemporanea, composta da due brevi ma fulminanti atti teatrali e di un testo raffinatissimo, elegante, dotato di un incredibile ritmo.
Margaret, Stanley, Donna e Walter sono a teatro per assistere all'Amleto di Shakespeare. Ma nelle loro chiacchiere incessanti ed esilaranti, tra una caramella da scartare e una totale incapacità nel prestare attenzione alla pièce, approfondiscono temi del tutto privati. Parlano dei loro figli, della loro amicizia, delle loro relazioni e solo occasionalmente dell'opera di Shakespeare. Eppure, come in Amleto, personaggi e pubblico ne escono arricchiti, diversi, cambiati. Con la soddisfazione, o presunzione, di aver assistito a qualcosa di poco chiaro, ma comunque magico, memorabile, irripetibile.

 

 

PRENOTA IL TUO BIGLIETTO SCONTATO A € 11,50

SCRIVENDO A convenzioni@teatromenotti.org

 


 

LE OPERE COMPLETE DI SHAKESPEARE IN 90 MINUTI 


 DALL'11 AL 21 NOVEMBRE  

 


Una sfida teatrale ai limiti dell'incredibile: come condensare l'opera omnia del Bardo, 37 opere, in 90 minuti? O raccontare l''Amleto' in 43''?

Le opere complete di William Shakespeare in 90 minuti , è una commedia scritta da Adam Long, Daniel Singer e Jess Winfield. Dopo aver debuttato all'Edinburgh Festival Fringe nel 1987 è stata replicata al Criterion Theatre di Londra per nove anni, diventando uno degli spettacoli più conosciuti al mondo.

Una parodia di tutte le opere di William Shakespeare eseguita in forma comicamente abbreviata da tre attori, usando le più svariate tecniche interpretative.

Veloce, spiritoso e fisico, è una sfida teatrale, un'immersione leggera e stravagante nel mondo shakespeariano, un omaggio divertito e divertente al grande drammaturgo.

La 'Bignami Shakespeare Company' è composta da Fabrizio Checcacci, Roberto Andrioli e Lorenzo Degl'Innocenti (In ordine rigorosamente di età), che dopo tanti anni di amicizia si sono ritrovati ed hanno deciso di unire le loro esperienze nel campo della prosa, musica e commedia dell'arte, e darsi al Bardo!



PRENOTA I TUOI BIGLIETTI SCONTATI A € 16,50 

scrivendo a promozione@teatromenotti.org 
o telefonando allo 0236592538/3479704557



 

9 NOVEMBRE ore 20:00 

 

When We Went Electronic

 

Durata: 75'
The Tank NYC 
Scritto da Caitlin Saylor Stephens
Diretto da Meghan Finn
Con Drita Kabashi, Madelyn Robinson

 

Ambientato in un negozio American Apparel, When We Went Electronic è un miscuglio psicotropico che descrive l'esperienza della sopravvivenza allo stupro. La regia è estrema quanto la storia messa in scena. The Tank è un'associazione senza scopo di lucro dedicata ad artisti emergenti che sperimentano nuove idee e forme di espressione. Mette a disposizione gratuita due teatri  a Manhattan Ogni anno sostiene oltre 2000 artisti e più di 400 opere in diverse discipline.

FESTIVAL ON STAGE 
9 e  10 novembre ore 20.00 


Spettacoli in inglese con soprattitoli in italiano

­

 

 

PRENOTA IL TUO BIGLIETTO SCONTATO A SOLI € 5,00 SCRIVENDO A convenzioni@teatromenotti.org  

­

­

 

­

­


10 NOVEMBRE  ore 20:00 

  
In Their Footsteps 


Durata: 75'
Infinite Variety Productions
Scritto e diretto da Ashley Adelman
Con Chrystal Bethell, Janessa Floyd, Kristen Hasty, Kate Szekely, Kelly Teaford,
Traduzione Giada Fumaselli


Cinque storie di donne soldato raccolte attraverso interviste condotte dalla Compagnia a reduci del Vietnam e riproposte in un montaggio poliedrico che mostra una visione della guerra al femminile. Infinite Variety Productions è una compagnia teatrale senza scopo di lucro impegnata a dar luce a racconti focalizzati su storie inedite di donne. Attraverso ricerche, interviste e documentazione, lavora per la sensibilizzazione del pubblico, in collaborazione con organizzazioni che hanno come missione la tematica centrale di ciascuna opera. 

­



FONTANA PROJECT

 PRIMA MONDIALE 5/6/7 NOVEMBRE­

­

Torna al Menotti la compagnia  No Gravity che porta in scena un progetto, della durata di 20 minuti,  dedicato all'inventore dello spazialismo:  l'artista  Lucio Fontana . 
Una sola ballerina, Mariana P, emozionante e coinvolgente, porta sul palco l'armonia della danza, i giochi di luci, il corpo che emerge dallo squarcio, i generi che si uniscono senza soluzione di continuità. 
Una performance suggestiva e visionaria che lascia lo spettatore immerso nell'incanto del sogno creato dai NoGravity.



PRENOTA IL TUO BIGLIETTO SCONTATO

scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org

€ 5,00



 

In occasione del ritorno al 100%  della capienza delle sale teatrali, il  Menotti ha deciso di festeggiare offrendoti, esclusivamente per questa settimana,  la  PROMO  100%: il tuo biglietto in promozione per lo spettacolo Jackie a 11,50€ vale doppio (2 biglietti a 5,75€ cad.)
Acquista subito o prenota scrivendo a promozione@teatromenotti.org

 

 

Acquista la PROMO 100%


dal 19 al 31 ottobre

 

il palcoscenico del Menotti sarà dedicato a Saverio la Ruina, uno dei più premiati e importanti attori del teatro italiano.

Tre spettacoli pluripremiati su temi di grandissima attualità che hanno incantato, emozionato, commosso il pubblico di tutta Italia e un'attesissima prima nazionale. Spettacoli indimenticabili , che "fanno vibrare l'anima" e "colpiscono diretti  al cuore e alla mente" .

SAVERIO E CHADLI vs MARIO E SALEH
19/24 ottobre 


Mario e Saleh è uno spettacolo necessario.  Uno spettacolo di teatro civile, di impegno sociale, un momento di necessaria riflessione e di verità, di incontro di cui tutti, in questi giorni così confusi e contraddittori, abbiamo bisogno.
Uno spettacolo necessario perché fa capire, costringe a mettersi dall'altra parte e a vedere il disagio di chi si sente ospite a vita in un paese, nonostante in quel paese sia vissuto fin da piccolo.
Un viaggio intimo ed estremamente attuale, sulle diversità religiose, sulle difficoltà del multiculturalismo, sulle tensioni tra nativi e stranieri. 
L'ultimo attesissimo lavoro di Saverio La Ruina, narratore emozionante e visionario è un dialogo che documenta l'incontro tra un cristiano e un credente musulmano costretti dal caso a una coabitazione forzata sotto una tenda da campo dopo il terremoto in Abruzzo.

Saverio La Ruina è uno tra i più importanti attori del teatro italiano contemporaneo. I suoi spettacoli sono premiati e acclamati dalla critica e dal pubblico.


ACQUISTA ORA IL TUO BIGLIETTO SCONTATO 
O PRENOTA a promozione@teatromenotti.org 
€ 9,00 per martedì 19 e mercoledì 20 ottobre *


​​​​​​​


DISSONORATA

26/27 OTTOBRE


Risuonano tante voci di donne. Voci di donne del sud, di madri, di nonne, di zie, di amiche e di amiche delle amiche. Quando il lutto per le vedove durava tutta la vita e anni e anni per le figlie. Quando le donne vestivano quasi tutte di nero anche in piena estate..

Premio UBU 2007 "Migliore attore italiano" – "Migliore testo italiano"
Premio Hystrio alla Drammaturgia 2010
Premio ETI – Gli Olimpici del Teatro 2007
Nomination "Migliore interprete di monologo"
Premio Ugo Betti per la drammaturgia 2008 "Segnalazione speciale"
Premio G. Matteotti 2007 "Segnalazione della commissione" 



PRENOTA IL TUO BIGLIETTO SCONTATO

 scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org

a € 11,50




LA BORTO

28/29 OTTOBRE

 

Non è solo la storia di un aborto. È la storia di una donna in una società dominata dall'atteggiamento e dallo sguardo maschili: uno sguardo predatorio che si avvinghia, violenta e offende; un atteggiamento che provoca gli eventi ma fugge le responsabilità.

 

Premio UBU 2010 "Migliore testo italiano"
Nomination Premio UBU 2010 "Migliore attore"
Premio Hystrio alla Drammaturgia 2010


POLVERE

30/31 OTTOBRE


Le botte sono la parte più fisica del rapporto violento di coppia, l'uccisione della donna la parte conclusiva. Ma c'è un prima, immateriale, impalpabile come polvere evanescente che si solleva piano intorno alla donna, la circonda, la avvolge, ne mina le certezze, ne annienta la forza, il coraggio, spegne il sorriso e la capacità di sognare. 


Premio Lo Straniero 2015
Premio Enriquez 2015 alla drammaturgia
Premio Enriquez 2015 Miglior Attore
Premio Annibale Ruccello 2015 alla drammaturgia

​​​​​​​


ABBONATI AL TEATRO MENOTTI

ACQUISTA LA MENOTTI CARD




BIGLIETTO A € 11,50 anziché 32,00


prenotando a convenzioni@teatromenotti.org - tel. 0236592538 



 LE OSSESSIONI E I SEGRETI DI JACQUELINE KENNEDY 

UNA STORIA STRAORDINARIA


JACKIE 

dal 6 al 17 ottobre

 

Il premio Nobel della Letteratura Elfriede Jelinek racconta un personaggio controverso e inafferrabile come Jacqueline Lee Kennedy Onassis. Jackie appunto. Ossessionata dall'immagine della limousine presidenziale nel momento dell'omicidio di Dallas. Ossessionata dai suoi "troppi" abiti, dalla "troppa" carne di Marilyn, dal "troppo" sesso di Kennedy. Una testimone feroce di un'epoca in cui il "sogno americano" di democrazia e pace era governato dal potere di una famiglia che offuscava con il bianco splendente di sorrisi patinati, con abiti e gioielli, con figli biondi e felici, una trama fatta di segreti, malattie, sesso, alcol e droga e morte.  Una prova straordinaria per ROMINA MONDELLO attrice di grazia, forza e spessore. 

 


 

 

 

PREZZO €11.50

 

 

Per prenotare i vostri posti potete scrivere una mail a convenzioni@teatromenotti.org oppure chiamare il n. 0236592538 specificando l'azienda convenzionata.

No Gravity

 

INFERNO 2021 (DANTE'S HELL)

 

una creazione di Emiliano Pellisari

 

danzatori: Mariana/P(principal dancer), Eva Campanaro, Francesco Saverio Cifaldi , Giada Inserra, Leila Ghiabbi, Antonino Casile

 

coreografia: Emiliano Pellisari & Mariana/P

 

Nogravity è prodotta dalla Compagnia Danza Emiliano Pellisari Studio Ass.cult

 

Una sfida alla gravità, uno spettacolo straordinario tra magia, illusione e circo.

Danzatori, atleti e acrobati sfidano la gravità e immagini straordinarie appaiono dal buio in una carrellata senza sosta di effetti.

Un mondo dove il reale e il virtuale si mischiano in un caleidoscopio di immagini sorprendenti tratte dalle immagini dantesche più forti.

Uno spettacolo dove il disegno della luce, la musica e l'illusione si coniugano con la danza, il physical theatre e la mimica.

 

 


STAGIONE 2021/2022

  • Programma Stagione 2021-2022_page-0001.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0002.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0003.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0004.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0005.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0006.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0007.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0008.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0009.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0010.jpg
  • Programma Stagione 2021-2022_page-0011.jpg

 

 

PREZZO €11.50

 

 

 

Sabato 31 luglio ore 19.30

 

ROBERTO MERCADINI

 

DANTE. PIU' NOBILE E' IL VOLGARE

 

di e con: Roberto Mercadini

produzione: Mikrà

 

Non si può fare quello che ha fatto Dante senza essere innamorati a

sangue della parola; senza essere ossessionati dal suono delle diverse

lingue, dal senso dei singoli vocaboli; senza essere permeati anima e corpo dal linguaggio.

Nella Divina Commedia si snodano le più magnifiche e impressionanti

immagini dell'oralità. Il rogo eterno da cui esce la voce di Ulisse, che

si agita al vento "come fosse la lingua che parlasse". Le miriadi di luci

angeliche che fluttuano irradiando miracolosamente parole cantate. E poi

le bocche dei dannati e dei demoni che talvolta, degenerando, vengono

ridotte alla loro funzione animalesca e restano disperatamente mute.

Ma Dante è capace anche di riflessioni straordinariamente profonde e

sorprendentemente moderne. È l'autore del De vulgari eloquentia, il primo

trattato teorico sulla nostra lingua. Proprio in apertura di quest'opera,

confrontando il latino e il volgare, l'Alighieri scocca un giudizio spiazzante,

apparentemente paradossale: delle due lingue "nobilior est vulgaris", ossia

"la più nobile è il volgare".

Un monologo per innamorarsi della parola e, in particolare, della lingua che parliamo.

 


 

 

PREZZO €11.50

 

 

 

Lunedì 26 e martedì 27 luglio ore 19.30

 

ROBERTO ANDRIOLI, FABRIZIO CHECCACCI, LORENZO DEGLI INNOCENTI

 

TUTTE LE OPERE COMPLETE DI WILLIAM SHAKESPEARE IN 90 MINUTI

 

una commedia scritta da Adam Long, Daniel Singer e Jess Winfield

uno spettacolo interpretato e diretto da Roberto Andrioli, Fabrizio Checcacci, Lorenzo Degli Innocenti

produzione: Tieffe Teatro/Khora Teatro/La Macchina del Suono

 

Dopo aver debuttato all'Edimburgh Festival Fringe nel 1987 è stato replicato al Criterion Theatre di Londa per nove anni, diventando uno degli spettacoli più conosciuti al mondo.

Una parodia di tutte le opere di William Shakespeare eseguita inf orma comicamente abbreviata da tre attori, usando le più svariate tecniche interpretative.

Veloce, spiritoso e fisico, è pieno di risate per glia manti e soprattutto per gli odiatori di Shakespeare.

Una sfida teatrale ai limiti dell'incredibile: come condensare l'opera omnia del Bardo, 37 opere, in 90 minuti? O raccontare l'Amleto in 43 secondi?

Tutto Shakespeare in 90 minuti è un'immersion leggera e stravagante nel mondo shakespeariano, un omaggio divertito e divertente al grande drammaturgo. La potenza e la poesia dei suoi versi vengono prevedibilmente meno ma lo scopo, in fondo, n on è altro che divertire il pubblico, incuriosirlo e svelare il lato comico che si cela anche nelle tragedie più cupe.

Fabrizio Checcacci, Roberto Andrioli e Lorenzo Degli Innocenti (in ordine rigorosamente d'età), dopo tanti anni di amicizia si sono ritrovati e hanno deciso di unire le loro esperienze nel campo della prosa, musica e commedia dell'arte, e darsi al Bardo!

 


 

 

PREZZO €11.50

 

 

 

venerdì 23 e sabato 24 luglio ore 19.30

 

GABRIELLA GREISON

 

CARA MARIE CURIE

di e con Gabriella Greison

 

La vita di Marie Curie raccontata da Gabriella Greison in un avvincente

monologo di un'ora in cui ci immergiamo nella stroria incredibile della

più grande scienziata di tutti i tempi.

Hanno fatto un sondaggio di recente, hanno chiesto ai bambini di

tutto il mondo chi conosce come scienziata, tutti (cioè il 100% dei

bambini) hanno risposto Marie Curie (nel caso degli uomini Albert

Einstein è stata la risposta che ha avuto la meglio, ma la percentuale

per lui era 90%). Nell'immaginario collettivo Marie Curie rappresenta la

realizzazione, i sogni che si avverano, la speranza il futuro, il merito.

Tutte parole che entreranno in questo podcast e saranno il vero

motivatore nel tenere gli ascoltatori incollati.

Tutti da piccoli abbiamo avuto degli amici immaginari, io ho avuto

Marie Curie. La sua vita, per me che sono fsica, è stato il traino per

tanti passaggi fondamentali che ho vissuto, e nel momento di fare

scelte.

La cosa bellissima è che Marie Curie è stata molto umana, malgrado i

libri di scuola non ce lo abbiano mai raccontato. Ha vissuto come tutti

noi paure, angosce, tormenti, tristezze. E' questo che la rende

bellissima. E poi ha vinto due premi Nobel. E questo la rende universalmente un mito.

 

 


 

 

PREZZO €11.50

GIOVEDI' 22 LUGLIO ore 19.30

 

FEDERICO BUFFA

 

LE OLIMPIADI DEL 1936

 

di e con   Federico Buffa

regia     Emilio Russo

pianoforte Alessandro Nidi - fisarmonica Nadio Marenco - voce Cecilia Gragnani

 

Lo spettacolo, partendo dalla narrazione di una delle edizioni più controverse dei Giochi Olimpici, quella del 1936, racconta una storia di sport e di guerra. Le storie dello sport, sono storie di uomini. Sono storie che scorrono assieme al tempo dell'umanità, seguono i cambiamenti e i passaggi delle epoche, a volte li superano.

E' capitato a Berlino nel '36 quando Hitler e Goebbels volevano trasformare le loro Olimpiadi, o quello che credevano che fossero le "loro" Olimpiadi, nell'apoteosi della razza ariana e del "nuovo corso".

E invece quelle Olimpiadi costruirono i simboli più luminosi dell'uguaglianza: il primo giorno di gara sul podio del salto in alto salirono due atleti neri, l'ebrea Helene Mayer vinse l'oro nella scherma e Jesse Owens di medaglie ne vinse addirittura quattro.

Lo spettacolo racconta le storie all'interno di un luogo senza tempo, un luogo dimenticato, sospeso tra il sogno e la realtà. Le racconta con le parole di chi c'era in quei giorni esaltanti e tremendi, le racconta con lo stile narrativo incalzante di Federico Buffa, le racconta con la musica e le canzoni evocative di un'epoca in bilico tra il sogno e la tragedia, le racconta con le immagini "rivoluzionarie" di Leni Riefensthal, "la regista che filmò il nazismo".

 

 




PREZZO DA € 8



 

MERCOLEDI' 21 LUGLIO ore 19.30

 

SAVERIO LA RUINA

 

MASCULU I FIAMMINA

 

di e con Saverio La Ruina

musiche originali Gianfranco De Franco

collaborazione alla regia Cecilia Foti

scene Cristina Ipsaro e Riccardo De Leo

disegno luci Dario De Luca e Mario Giordano

audio e luci Mario Giordano

organizzazione Settimio Pisano

produzione Scena Verticale

 

 

L'idea di base è che un uomo semplice parli con la madre. Una madre che non c'è più. Lui la va a trovare al cimitero. Si racconta a lei, le confida con pacatezza di essere omosessuale, "o masculu e fiammina cum' i chiamàvisi tu", l'esistenza intima che viveva e che vive.

Non l'ha mai fatto, prima. Certamente questa mamma ha intuito, ha assorbito, ha capito tutto in silenzio. Senza mai fare domande. Con infinito, amoroso rispetto. Arrivando solo a raccomandarsi, quando il figlio usciva la sera, con un tenero e protettivo "Statti attiantu". Ora, per lui, scatta un tipico confessarsi del sud, al riparo dagli imbarazzi, dai timori di preoccupare. Forse con un piccolo indicibile dispiacere di non aver trovato prima, a tu per tu, l'occasione di aprirsi, di cercare appoggio, delicatezza.

E affiorano memorie e coscienze di momenti anche belli, nel figlio, a ripensare certi rapporti con uomini in grado di dare felicità, un benessere che però invariabilmente si rivelava effimero, perché le cose segrete nascondono mille complicazioni, destini non facili, rotture drammatiche.

Nei riguardi di quella madre, pur così affettuosa e misteriosamente comprensiva, si percepisce comunque qualche rammarico, qualche mancata armonia. Ma tutto è moderato, è fatalistico, è contemplativo. In un meridione con la neve, tra le tombe, finalmente con la sensazione d'essere liberi di dire.

 


 

 

 

PREZZO € 8

MARTEDI' 20 LUGLIO ore 19.30

 

SAVERIO LA RUINA

 

ITALIANESI

di e con Saverio La Ruina

musiche originali Roberto Cherillo

contributo alla drammaturgia Monica De Simone

disegno luci Dario De Luca

direzione tecnica Gaetano Bonofiglio

organizzazione Settimio Pisano

produzione Scena Verticale

 

Esiste una tragedia inaudita, rimossa dai libri di storia, consumata fino a qualche giorno fa a pochi chilometri dalle nostre case. Alla fine della seconda guerra mondiale, migliaia di soldati e civili italiani rimangono intrappolati in Albania con l'avvento del regime dittatoriale, costretti a vivere in un clima di terrore e oggetto di periodiche e violente persecuzioni. Con l'accusa di attività sovversiva ai danni del regime la maggior parte viene condannata e poi rimpatriata in Italia. Donne e bambini vengono trattenuti e internati in campi di prigionia per la sola colpa di essere mogli e figli di italiani. Vivono in alloggi circondati da filo spinato, controllati dalla polizia segreta del regime, sottoposti a interrogatori, appelli quotidiani, lavori forzati e torture. In quei campi di prigionia rimangono quarant'anni, dimenticati.

Come il "nostro" che vi nasce nel 1951 e vive quarant'anni nel mito del padre e dell'Italia che raggiunge nel 1991 a seguito della caduta del regime. Riconosciuti come profughi dallo Stato Italiano, arrivano nel Belpaese in 365, convinti di essere accolti come eroi, ma paradossalmente condannati a essere italiani in Albania e albanesi in Italia.

 

 


 

 

PREZZO €11.50

 

 

lunedì 19 luglio ore 19.30

 

ARIANNA PORCELLI SAFONOV

 

OMEOPHONIE

testi: Arianna Porcelli Safonov

musiche: Michele Staino, Renato Cantini

 

All that Jazz

Ecco come muore un giovane designer

Benito ed il suo gusto per le esequie

La nuova moneta

Furesta

L'altro giorno al circolo

Richi, settant'anni al servizio dell' infanzia

Strabel

 

Otto favole desiderose di curare dalla decadenza contemporanea.

Otto microcosmi ricchi di sensazioni che più umane non si può.

Otto gabinetti delle meraviglie, otto piccole storie che disegnano caratteri

quotidiani potenti e psicotici: l'ossessione per l'approvazione altrui di All that

Jazz, la cattiveria sfrontata con cui la società si accanisce contro gli studenti preparandoli al supplizio sempiterno che spetta ai creativi di tutto il mondo di "Così muore un giovane designer".

Otto sfoghi quotidiani scritti ed interpretati da Arianna Porcelli Safonov,

impreziositi dalle musiche di Renato Cantini e Michele Staino.

Come tanto tempo fa, quando le fiabe venivano cantate e le streghe bruciate, Omeophonie è un piccolo scrigno consegnato a chi ascolta, un forziere musicale denso di voci e di pulsioni febbricitanti, di cinismi e morali profonde che oggi suonano come ingiurie alla modernità ma che un tempo, alla fine delle fiabe insegnavano qualcosa di grande ed imperituro.

La morale torna ad insegnare facendo ridere e così si dimostra curativa.

Come le fiabe.

                                                                                                                                                             Come il Jazz.     

              


 

 

PREZZO DA €10

VENERDI' 16 LUGLIO ore 19.30

 

DONATELLA FINOCCHIARO

 

IL COMMISSARIO COLLURA VA IN CROCIERA

Storie note (e meno note) di Andrea Camilleri

di Andrea Camilleri

reading di Donatella Finocchiaro

incursioni musicali di Andrea Gattico

supervisione drammaturgica e registica Davide Barbato

produzione Nidodiragno/CMC

 

Nella prolifica produzione letteraria di Andrea Camilleri, dalle storie di Montalbano ai romanzi storici, brillano alcune perle meno note: tra queste, una piccola serie di racconti dedicata al Commissario Collura, collega non meno affascinante del celebre commissario di Vigata anche se dalla ben diversa popolarità. Come piccolo e spensierato omaggio al compianto scrittore siciliano, eccoci ad affidarne una lettura alla voce di Donatella Finocchiaro. Il commissario Vincenzo Collura, chiamato Cecé, non è «omo d'acqua ma di terraferma» e tuttavia, rimasto ferito durante un'azione di polizia, decide di prendersi un periodo di riposo per la convalescenza su una lussuosa nave da crociera dove svolgerà le funzioni di commissario di bordo con l'aiuto sostanziale di un esperto del mestiere: il triestino Scipio Premuda. Con lo stile lucido, tagliente e umanissimo cui Camilleri ci ha abituato, il nostro eroe sarà protagonista di una serie di brevi, godibilissimi e fulminanti racconti gialli, in cui la nave diventa teatro del mondo, e i suoi passeggeri si trasformano in tragicomici personaggi della nostra assurda contemporaneità. Un fil rouge attraversa tutti gli episodi: la "virtualità" della vita crocieristica (infatti, si tratta sempre di casi "presunti", che si rivelano falsi o solo immaginati), divertita metafora dell'inautenticità delle nostre vite e delle nostre relazioni.

 




PREZZO  €11.50

GIOVEDI' 15 LUGLIO ore 19.30


MARCO BALBI e GIANNA COLETTI


I PAROLL D'ON LENGUAGG

OMAGGIO A CARLO PORTA


con Marco Balbi e Gianna Coletti

produzione: Tieffe Teatro Milano


Nel duecentesimo anniversario della morte, il teatro Menotti celebra il più grande dei poeti milanesi con una serata a lui dedicata.


Si alterneranno al leggio per dare voce a quattro impareggiabili poemetti:

Desgrazzi de Giovannin Bongee
La Ninetta del Verzee
Meneghin biroeu di ex monegh
Offerta a Dio (La preghiera)

Un'occasione per avvicinarsi all'espressione più alta della lingua meneghina, opportunamente sottotitolata per dare modo a tutti di godere l'inventiva, il divertimento, il cinismo, l'anticlericalismo, l'impietosa critica alla borghesia e i mille altri talenti di questo grande poeta milanese.







PREZZO DA €8

MERCOLEDI' 14 LUGLIO ore 19.30

 

MARIO PERROTTA

 

ITALIANI CINCALI

 

di Nicola Bonazzi e Mario Perrotta

diretto e interpretato da Mario Perrotta

produzione: Teatro Dell'Argine

FINALISTA AI PREMI UBU COME MIGLIORE DRAMMATURGIA

 

L'emigrazione italiana nelle miniere di carbone del Belgio, raccontata attraverso un'epopea popolare, fatta di uomini scambiati con sacchi di carbone, di paesi abitati solo da donne, di lettere cariche di invenzioni per non svelare le condizioni umilianti di quel lavoro, di mogli che rispondono

a quelle lettere con le parole dettate dall'unico uomo rimasto in paese: il postino. È lui che racconta tutto quello che ha visto, sentito, letto e scritto. Racconta come può, come deve, ricostruendo uno spaccato violento e amaramente ironico di un'Italia uscita dalla guerra e pronta ad affrontare il boom economico. È così che le sue storie, così apparentemente personali, ritraggono senza ipocrisia uno dei capitoli più amari della nostra storia repubblicana.

Lo spettacolo ha ricevuto la targa commemorativa della Camera dei Deputati per "l'alto valore civile del testo e per la straordinaria interpretazione", è stato finalista al Premi UBU 2004 e ha segnalato Mario Perrotta tra gli artisti più interessanti della nuova generazione.

 

 


 

 

 

PREZZO €11,50

LUNEDI' 12 e MARTEDI' 13 LUGLIO ore 19.30

 

ALESSANDRO BONAN

 

DI AMORE, DI MUSICA, DI SPORT E DI ALTRE SCIOCCHEZZE

 

musiche e parole di Alessandro Bonan

con Alessandro Bonan (chitarra e voce) Luca Baldoni (chitarra)

Leonardo Lagorio (piano)

Filippo Tosto (basso)

Giuseppe Brambilla (batteria)

produzione: Tieffe Teatro Milano

 

Che cos'è l'amore? È una sottrazione di esistenza.

Che cos'è la musica? È un territorio di confine tra l'arte e il mistero. Che cos'è lo sport? È il gesto che rende eterna la fanciullezza.

 

Alessandro Bonan, giornalista, scrittore e volto conosciuto di Sky, risponde così ad alcune domande su vari aspetti della nostra vita.

 

Musica e sport sono per lui passione e lavoro. Ossessionato dalla noia, si diverte a percorrere le strade dell'imprevisto, di cui teorizza l'efficacia. "Nei miei programmi cerco sempre un incidente da cui dovermi salvare: ridesta l'attenzione mia e del pubblico".

 

Ecclettico per natura e per talento. Alessandro Bonan rappresenta il prototipo del giornalista show-man moderno: versatile, ironico, brillante e competente.

 

Sul palco sarà accompagnato da una giovane band di musicisti. Musica, parole e alcune sciocchezze.

Senza paura di cadere nel vuoto.

 

 


 

PREZZO €11,50

DOMENICA 11 LUGLIO ore 19.30

 

ALESSANDRO BENVENUTI

 

PANICO MA ROSA

Dal diario di un non intubabile

 

scritto e diretto da: Alessandro Benvenuti

luci: Marco Messeri

elaborazioni sonore: Vanni Cassori

assistente alla regia: Chiara Grazzini

ideazione costume: Carlotta Benvenuti

produzione: Arca Azzurra

 

59 giorni di lockdown. 59 pagine di diario che raccontano l'isolamento obbligatorio di un autore attore che privato del suo naturale habitat: il palcoscenico, decide di uscire dalla sua proverbiale ritrosia e raccontarsi per la prima volta pubblicamente e con disarmante sincerità come persona. Sogni e bisogni, ricordi e crudeltà, fantasie e humor. Un viaggio nella mente di un comico che nel cercare un nuovo senso della vita per non impazzire, reinventa il passato di chierichetto, stabilisce inediti e proficui rapporti con tortore, passerotti, merli, cornacchie, piccioni e gabbiani. Mescola sogni e aneddoti. Progetta linguaggi comico barocchi. Decide di rinascere a nuova vita digerendo il suo passato e i fantasmi che lo hanno abitato con la spudoratezza che solo gli adulti che si stufano di essere tali possono vantare. E attraverso questa comica forza eversiva sperare, per una volta ancora, di tornare bambino, anzi, bambinaccio, prima di tacere per sempre nel naturale Finale di Partita che pazientemente attende in un punto imprecisato del Fato tutti gli esseri umani. Diciamo insomma che drammaturgicamente parlando 'Panico ma rosa' è di genere Po Ca Co: Poetico Catastrofico Comico.

 

 


   

PREZZO €8

VENERDI' 9 E SABATO 10 LUGLIO ore 19.30

 

MILVIA MARIGLIANO e IGOR ESPOSITO

 

EL BLUES DI LOI

 

drammaturgia: Igor Esposito

sonorizzazioni e tromba: Ciro Riccardi

supervisione: Peppino Mazzotta

produzione: Ente Teatro Cronaca

 

El blues di Loi è un recital dove un'attrice e un poeta accompagnati da un musicista portano in scena i versi di una delle personalità poetiche più potenti del secondo Novecento italiano: il poeta Franco Loi. Un blues che si dipana attraverso quattro stazioni drammaturgiche. Nella prima è il poeta a prendere parola per divenire, al contempo, confessione e meditazione sull'atto del fare poesia e del vivere. Nella seconda stazione prende corpo il teatro in cui il poeta è vissuto: la città di Milano; modulando malinconie, sogni, speranze, memorie e rabbia. E qui il canto s'invera grazie ad una lingua -per dirla come scrisse il poeta- che si pisciava nelle strade della città meneghina: il dialetto milanese, al quale Loi è sempre rimasto fedele e che nel recital, pur nell'ardua traducibilità d'ogni verso, si alterna all'italiano e al napoletano, marcando il valore universale della poesia di Loi. Infine, nella terza e quarta stazione, dialogano e si sovrappongono, in un violento chiaroscuro, l'amore e la morte per poi ritornare alla voce del poeta che noi, oggi e sempre, vogliamo ricordare.

 

 


 

 

 

PREZZO € 11.50

GIOVEDI' 8 LUGLIO ore 19.30

 

NINO FORMICOLA

 

ANGELO FAUSTO COPPI

L'EROE NATO CONTADINO

di Sabina Maria Negri

con Nino Formicola e Sabina Maria Negri

regia di Lorenzo Loris

musiche arrangiate ed eseguite dal vivo da Simone Spreafico e Luca Garlaschelli

canto: Patrizia Rossi

scenografia e installazioni: Marco Lodola

produzione: Culturale Blu

 

Il testo racconta il mito sportivo e la vita dell'uomo, fondendoli in una confessione dalla cadenza drammatica, che prende il via dal processo per adulterio. In scena lui, Fausto Coppi, che ricorda e ancora soffre e gioisce, e la Dama Bianca, figura silenziosa che a un certo punto si trasforma nel pubblico ministero. Scorrono dunque, nella mente e nella memoria del "campionissimo", i giorni della gloria e quelli dell'infamia, i volti degli avversari e dei famigliari, i moti di passione e gli abissi dell'abbattimento, i momenti e i personaggi che hanno segnato la sua esistenza e anche la storia italiana. Fra ansie, tormenti, rimorsi, orgoglio, nostalgia, Coppi ripercorre la sua vita "con" e "per" gli spettatori: è un'anima che si svela, è un destino che si compie fino all'ultima tragedia. Su tutto, la consapevolezza che la fama è un peso difficile da sopportare, un segno divino che, assieme alla benedizione, porta con sé la pena. A ricreare l'atmosfera di quegli anni contribuisce anche la musica, potentemente evocativa, suscitando commozione e allegria e completando il ritratto di un uomo – e di un'epoca – indimenticabili.

 

 


 

 

Ingresso gratuito su prenotazione

SABATO 3 LUGLIO ORE 18.00

 

PAOLO ROVERSI

 

LA MILANO DELLA MALA

 

Una conferenza. Un viaggio nella malavita degli anni 60 - 70 di Milano dalla rapina di via Osoppo al solista del mitra Luciano Lutring, dalla banda Cavallero al clan dei Marsigliesi, da Renato Vallanzasca a Francis Turatello.

Le storie saranno tratte dai due di Roversi romanzi "Milano Criminale" e "Solo il tempo di morire", entrambi editi da Marsilio.

 

 

Paolo Roversi è scrittore, giornalista, sceneggiatore e podcaster.

Vive a Milano. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive. I suoi romanzi sono tradotti in otto lingue e dai suoi libri sono stati tratti spettacoli teatrali e cortometraggi. Con il romanzo La mano sinistra del diavolo (Marsilio) ha vinto il Camaiore di letteratura gialla 2007.

Con il romanzo Solo il tempo di morire (Marsilio) ha vinto il Premio Selezione Bancarella 2015 e il Premio Garfagnana in Giallo 2015.

Con il romanzo Pyschokiller (Sem) ha vinto il Premio Scerbanenco 2020 dei lettori.

 


 

 

PREZZO €7

 

GIOVEDI' 1 LUGLIO ORE 21.30

 

DOG DAYS

 

con Le Canaglie: Massimiliano Setti, Federico Bassi, Giacomo Trivellini

produzione: Carrozzeria Orfeo

 

I protagonisti sono tre galeotti in fuga, che indossano maschere dalle sembianze di dobermann. Massimiliano compone e "assembla" musica elettronica; Federico e Giacomo disegnano su queste note delle illustrazioni in diretta. Una telecamera posizionata sopra di loro cattura le creazioni e un proiettore le riproduce su schermo mentre si compongono. Questi disegni saranno il materiale visivo della storia, impreziositi ed ampliati da numerose animazioni (create precedentemente con varie tecniche digitali) per raccontarci "le canagliate" di questa scorrettissima gang canina. 
Il live set sperimenta le possibilità offerte dalla mescolanza di tecniche tradizionali e tecnologie digitali: unisce il disegno dal vivo e l'animazione, blocchetti di legno e croma key, gessetti ed iPad. Il tutto viene shakerato da un mixer video che sovrappone ai disegni creati dal vivo la fluidità di video animati originali, scandendo il procedere della storia, suddivisa in cinque capitoli. Animazione digitale, stop motion, video game, cartoni animati vintage si fondono e contaminano per raccontare le avventure delle Canaglie in chiavi diverse, ma (quasi) sempre ironiche. 

 

 


 

LA STAGIONE ESTIVA

 

Dal 1 luglio il Teatro Menotti si trasferisce nella  splendida cornice della Corte d'Onore di Palazzo Sormani con una ricchissima  rassegna estiva all'aperto .

MUSICA,COMICITÀ E TANTE STORIE

 

 

ALESSANDRO BONAN, DONATELLA FINOCCHIARO, GABRIELLA GREISON, SAVERIO LA RUINA, MARIO PERROTTA, FEDERICO BUFFA,
MILVIA MARIGLIANO, ALESSANDRO BENVENUTI,
ARIANNA PORCELLI SAFONOV, ROBERTO MERCADINI
E MOLTO ALTRO ANCORA....

 


 

 

PREZZO €5

LUNEDI' 28 GIUGNO ORE 20.00

 

HOT – CHIAMATE IN ATTESA

 

Spettacolo vincitore del premio Scintille 2019 e del premio La Giovane Scena delle Donne 2019

drammaturgia: Rossella Fava, Viola Lucio e Chiara Tomei

regia: Clio Saccà

con: Giulia Mancin i, Marta Chiara Amabile, Miriam Podgornik, Riccardo Dal Toso, Rossella Fava, Viola Lucio

produzione: Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro

 

Nonostante le inarrestabili lotte di lavoratrici/ori e sindacati, le condizioni

di lavoro, soprattutto per certe fasce "sensibili" e per certi settori,

sono ancora svilenti e degradanti. E queste condizioni, spesso nocive,

non solo vengono accettate -per la realistica paura di essere licenziati

e l'altrettanto realistica difficoltà nel trovare un'altra occupazione- ma,

a furia di subirle, vengono introiettate. Le dinamiche di sfruttamento,

competizione e resa massima, imposte da molte realtà lavorative, ci

atomizzano, spingendoci da una parte a un prestazionalismo disumano

e dall'altra incoraggiano la "guerra tra poveri".

Ma Hot-chiamate in attesa parla anche di relazioni, tramite sei tentativi

di crescita ed emancipazione. Le relazioni fittizie ma non troppo con i

clienti, le relazioni conflittuali tra le centraliniste, le relazioni con qualcuno

che sta dall'altra parte della cornetta e dello schermo (mi vedi?).

Marcella, Valery, Chicca, Angelica, Fifì e Penelope cercano, spinte dal

desiderio di far fiorire i loro talenti, il proprio Spazio. Per ognuna di

loro, Spazio vuol dire qualcosa di diverso; un posto di lavoro migliore,

una dimora tutta per sé, una relazione appagante con se stesse, una

relazione appagante con qualcun'altro (o magari tutto questo assieme).

 

 


 

 

 

 

PREZZO € 11.50

 

SABATO 26 GIUGNO ORE 20.00

 

UOMINI COL FUOCO DENTRO

LA VIA DEL SALE

 

con la partecipazione dell'Arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini

testi scritti dall'Arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini

produzione: Associazione Culturale Elikya di Milano

 

 

Lo spettacolo prende inspirazione da due testi scritti dall'Arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini scritto appositamente da lui per questo evento. Si tratta di racconti che stimolano a guardare dentro e fuori di sé, riscoprendo il gusto poetico della fiaba, alla ricerca di scintille che riaccendano l'animo di chi li ascolta.

La trama dello spettacolo tesse storie che parlano di uomini e di donne alla ricerca della felicità, uomini che attraversano il mondo con tutte le sue incongruenze, debolezze, malvagità e tristezze e a cui vengono svelati i segreti per abitarlo con saggezza e nella gioia piena.

La formula dello spettacolo proposto nasce dall'esperienza naturata da Elikya negli ultimi anni, spettacoli che intrecciano le più diverse forme artistiche: musica, danza, recitazione, cinema, un mix che tiene accesa l'attenzione dello spettatore dall'inizio alla fine perché ricco di sorprese inaspettate. Un intreccio che rispecchia la composizione del gruppo stesso: etnie, culture, religioni ed esperienze artistiche differenti. Un mosaico che svela la bellezza della diversità.

 

 



FRAGILI COME LA TERRA
GLI INCONTRI E I FILM


Continua il progetto Fragili come la Terra, con gli  eventi collaterali, i film , gli incontri con gli esperti, gli autori e  gli scienziati dedicati al Pianeta blu e ai suoi abitanti. 


9 GIUGNO ORE 18.00

Incontro con Fra Marcello Longhi, presidente di Opera San Francesco
Lo spreco alimentare, le rimanenze, le eccedenze nella lavorazione dei cibi. I piccoli gesti che fanno la differenza.

 
11 GIUGNO ore 18.00

Incontro con Elisa Palazzi, climatologa
Gli eventi meteorologici imprevisti e disastrosi; la carenza idrica, la siccità e gli allagamenti. La crisi climatica e noi.

12 GIUGNO ORE 18.00

Proiezione del documentario Eating Animals
Il documentario prodotto dall'attrice Natalie Portman, che esplora la realtà degli allevamenti intensivi e ci costringe ad aprire gli occhi sull'impatto del consumo della carne per noi, gli animali e l'ambiente.
 
16 GIUGNO ORE  18.00
Incontro con Mario Spallino, attore, formatore e fondatore della  compagnia teatrale di  Emergency 
La guerra esiste ancora? L'esperienza di Emergency nel mondo.
 
18 GIUGNO ORE  18.00
Proiezione del film  Mattatoio n. 5
regia di Georg Roy Hill
durata 90'.
La storia utilizza la fantascienza per costruire un'opera contro la guerra e ogni tipo di violenza. Vincitore del Premio della giuria al 25° Festival di Cannes e del Saturn Award per il miglior film di fantascienza,   è ricordato anche per la colonna sonora d'eccezione, con Glenn Gould che esegue musiche di Johann Sebastian Bach 

23 GIUGNO ORE  18.00
Proiezione del film Un marziano a Roma
regia di Bruno Rasia e Antonio Salines
durata 90' 
La versione televisiva prodotta dalla Rai dell'omonima commedia teatrale di Ennio Flaiano del 1960 ispirata al suo breve racconto satirico- fantascientifico  del 1954.
 
24 GIUGNO ORE  18.00
Paolo Pasi, giornalista e scrittore, intervista l'astronauta Umberto Guidoni e il professor Gino Ruozzi. Parteciperà Milvia Marigliano
Viaggiando oltre il cielo. Lo spazio e i temi sempre attuali del Marziano a Roma e delle intuizioni visionarie di Ennio Flaiano.

INGRESSO GRATUITO
Info e prenotazioni promozione@teatromenotti.org - tel. 0282873611


Lunedì 7 Giugno il Teatro Menotti riaprirà dopo una sosta di oltre sei mesi.
 
Una sosta che non ha certamente significato "spegnere" il nostro fare e pensare teatro. 

Non si è fermato il progetto già annunciato di ristrutturazione del teatro dove è stato realizzato una seconda sala al piano superiore, il riammodernamento del foyer, un suggestivo progetto illuminotecnico che occuperà l'intera area di accoglienza del pubblico, il rifacimento del palcoscenico, dei servizi e degli arredi.

Insomma un teatro Menotti nuovo e più accogliente che riabbraccerà il pubblico offrendo programmi e occasioni di incontro ancora più emozionanti.
 
Il 7 Giugno saranno presentate le caratteristiche e le funzionalità dei nuovi spazi in una vera e propria festa di riapertura con ospiti e momenti di spettacolo.

Una maniera sentita e commossa per ringraziare i sostenitori, le aziende, le istituzioni e gli organi di informazione che sono stati vicini al Menotti nella fase più critica della sua ormai lunga storia e che hanno, con il loro intervento, scongiurato il rischio della sua chiusura.

Vogliamo condividere questo momento di gioia e di speranza con tutti voi.

I posti sono limitati, la prenotazione è obbligatoria: promozione@teatromenotti.org - tel. 3479704557


GIUGNO - LUGLIO 2021
DUE SPAZI
60 APPUNTAMENTI

 

Cari amici
martedì 8 giugno alle ore 20,00 il Teatro Menotti riaprirà finalmente il sipario con oltre 60 appuntamenti tra la sede di via Menotti completamente rinnovata e il Cortile d'Onore di Palazzo Sormani  nel mese di luglio.
 
Al Menotti dall'8 al 24 giugno andrà in scena il progetto FRAGILI COME LA TERRA, interrotto lo scorso ottobre e trasmesso poi in streaming,  dedicato ai temi legati alla crisi ambientale, sociale e culturale del Pianeta Blu, attraverso spettacoli, letture sceniche, proiezioni cinematografiche e incontri.

In scena i capolavori della letteratura contemporanea che hanno appassionato i lettori di  tutto il mondo, raccontando il controverso rapporto tra la Terra e i suoi abitanti. 

Autori ed opere, parole e suoni per "misurare la temperatura" del nostro pianeta.

 

PROMO NEWSLETTER 
ACQUISTA ORA IL TUO BIGLIETTO SCONTATO A € 11,50 ANZICHE' € 20,00

 


UOMINI COL FUOCO DENTRO

LA VIA DEL SALE


con la straordinaria partecipazione dell'Arcivescovo di Milano, Monsignor Mario Delpini

con Coro Elikya


26 GIUGNO


Lo spettacolo prende inspirazione da due testi scritti dall’Arcivescovo di Milano, mons Mario Delpini: Uomini con il fuoco dentro – La via del sale scritto appositamente dall’autore per questo evento. Si tratta di racconti che stimolano a guardare dentro e fuori di sé, riscoprendo il gusto poetico della fiaba, alla ricerca di scintille che riaccendano l’animo di chi li ascolta.

La trama dello spettacolo tesse storie che parlano di uomini e donne alla ricerca della felicità, uomini che attraversano il mondo con tutte le sue incongruenze, debolezze, malvagità e tristezze e a cui vengono svelati i segreti per abitarlo con saggezza e nella gioia piena.

La formula dello spettacolo proposto nasce dall’esperienza maturata da Elikya negli ultimi anni, spettacoli che intrecciano le più diverse forme artistiche: musica, danza, recitazione, cinema, un mix che tiene accesa l’attenzione dello spettatore dall’inizio alla fine perché ricco di sorprese inaspettate. Un intreccio che rispecchia la composizione del gruppo stesso: etnie, culture, religioni ed esperienze artistiche differenti. Un mosaico che svela la bellezza della diversità.

Elikya con “Uomini col fuoco dentro” si propone di contagiare lo spettatore accendendo in ciascuno quel fuoco che arde dentro nell’animo, regalando luce, calore, gioia e fiducia nell’umanità e nel futuro.


PRENOTA IL TUO POSTO AL COSTO DI €11,50 

scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org oppure inviando un messaggio whatsapp al n. 3391186882



UN MARZIANO A ROMA


dal racconto di Ennio Flaiano

regia: Emilio Russo

con Milvia Marigliano

musiche eseguite dal vivo da Raffaele Kohler


DAL 22 AL 24 GIUGNO


Nel 1954 Ennio Flaiano scrisse un breve racconto intitolato "Un marziano a Roma" nel quale con surreale naturalezza narrava il singolare, quanto imprevisto, atterraggio sulla terra di una aeronave da cui sbarcava un essere proveniente da Marte. Il tutto avveniva a Roma e precisamente a Villa Borghese.

Quell'idea è diventata in seguito un controverso spettacolo teatrale, un film e addirittura un modo di dire. È un'opera carica di satira sui costumi dell'Italia del dopoguerra e sulle dinamiche culturali della Capitale ed è ancora di enorme attualità.

L'epopea tragicomica di Kunt il marziano si consuma in pochi giorni, parte dal 12 ottobre per concludersi il 6 gennaio del 1954. A fare da controcanto alle disavventure del povero marziano, nella nostra narrazione, saranno le voci di un'intera città, che prima accoglie la novità come una speranza di una possibile vita migliore e poi beffeggia, dimentica e brucia. Le intuizioni visionarie di Flaiano anticipano l'idea di società effimera, omologata e in bilico, tra il reale e l'immaginario, alla vana ricerca di un senso al nulla virtuale che ci circonda.

A dare corpo e voce al coro dei personaggi di Un Marziano a Roma, un'attrice di talento e spessore come Milvia Marigliano accompagnata alla tromba da Raffaele Kohler.



PRENOTA IL TUO POSTO AL COSTO DI €11,50 

scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org oppure inviando un messaggio whatsapp al n. 3391186882



biglietti al prezzo speciale di €6,50 per tutti i vostri iscritti e dipendenti per la replica di giovedì 24 alle ore 20.00 


 

MATTATOIO N.5

di Kurt Vonnegut

adattamento e regia: Emilio Russo

con Collettivo Menotti: Giuditta Costantini, Nicolas Errico, Jacopo Sorbini, Chiara Tomei

 

DAL 15 AL 20 GIUGNO

 

Il Collettivo Menotti porta in scena uno dei capolavori di Kurt Vonnegut, un romanzo di fantascienza ma anche un manifesto anti-guerra. Mattatoio n.5 racconta la storia di Billy Pilgrim, un americano "alto e gracile, e fatto a forma di bottiglia di Coca-Cola" che combatte i tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale.

Prima di essere catturato e trasportato a Dresda dove sarà tenuto come prigioniero, Billy si "stacca" dal tempo, cominciando a muoversi tra le diverse parti della sua vita senza un ordine particolare, viaggiando con un semplice batter d'occhio, senza alcun controllo.

 

 

PRENOTA IL TUO POSTO AL COSTO DI €11,50 

scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org oppure inviando un messaggio whatsapp al n. 3391186882


 

POSSIAMO SALVARE IL MONDO PRIMA DI CENA

 

adattato da: WE ARE THE WEATHER di Jonathan Safran Foer

adattamento e regia: Emilio Russo

con Collettivo Menotti: Enrico Ballardini, Giuditta Costantini, Nicolas Errico, Helena Hellwig, Jacopo Sorbini, Chiara Tomei

 

DALL'8 AL 13 GIUGNO

 

Jonathan Safran Foer nel suo romanzo-saggio racconta, con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica del nostro pianeta alternando in modo originale storie di famiglia, ricordi personali, episodi biblici, dati scientifici e suggestioni futuristiche.

Una storia non facile da raccontare, un argomento che scuote gli animi, parole e musica potenti portate in scena dalla giovane compagnia Collettivo Menotti, capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio in cui la scienza lascerà il posto alle emozioni. All'interno di un loft abitato da giovani attivisti, studenti e musicisti i temi ambientali si trasformano, da noiosi elementi di una discussione oramai un po' stanca, in materia incandescente con cui fare i conti qui ed ora.  Una sorta di presa di coscienza tra accenti passionali e ombre paurose di un futuro che non è poi così lontano come ci illudiamo di credere.

 

 

PRENOTA IL TUO POSTO AL COSTO DI €11,50

 scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org oppure inviando un messaggio whatsapp al n. 3391186882



DOPO UN ANNO, INSIEME PER IL TEATRO DI DOMANI

sabato 27 marzo 2021 ore 21.00
in diretta streaming su Facebook e Youtube

La Finestra (speciale) di Antonio Syxty incontra i teatri di Milano
che aderiscono a INVITO A TEATRO.


Partecipano: Mimma Guastoni (presidente Teatri per Milano), Gaia Calimani (Manifatture Teatrali Milanesi), Renata Coluccini (Teatro del Buratto), Fioravante Cozzaglio (Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano), Maria Eugenia D’Aquino (PACTA . dei Teatri SALONE viaDini), Elio De Capitani (Elfo Puccini Teatro d’arte contemporanea), Corrado D’Elia (Compagnia Corrado D’Elia), Luca Doninelli (Teatro De Gli Incamminati), Bruno Fornasari (Teatro Filodrammatici di Milano), Rossella Lepore (Elsinor- Teatro Fontana), Claudio Longhi (Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa), Stefano Marafante (Teatro Martinitt), Renzo Martinelli (Teatro i), Emilio Russo (Tieffe Teatro Menotti), Renato Sarti (Teatro della Cooperativa), Arianna Scommegna (ATIR – Teatro Ringhiera), Andrée Ruth Shammah (Teatro Franco Parenti ), Roberto Traverso (Teatro Out Off)


Modera Antonio Syxty



Da un’intuizione di un assessore alla Cultura della Provincia di Milano, Novella Sansoni, nasceva 43 anni fa Invito a teatro, un sistema rivoluzionario di promozione del teatro nella città di Milano. Incrociando alcuni degli spettacoli dei teatri di Milano che vi aderivano - dal più grande al più piccolo - veniva offerto un abbonamento trasversale agli spettatori, consentendo la conoscenza di una ‘geografia’ teatrale della nostra città. Era il primo esempio di condivisione di proposte e programmi culturali e di spettacolo.


Ora noi tutti stiamo vivendo un’epoca straordinaria per l’intero pianeta, funestata da una pandemia che mette a rischio la salute fisica degli uomini, ma anche quella spirituale e psicologica. Invito a teatro si mostra alla finestra del mondo attraverso i rappresentati dei suoi teatri per mantenere InVita il teatro anche con i teatri chiusi.


La scelta simbolica del 27 marzo 2021, come Giornata Mondiale del Teatro, si trasforma prima di ogni altra cosa in testimonianza. I teatri di Invito a teatro sono i primi testimoni, oltre che i primi cittadini, incaricati di alimentare e interpretare civicamente la vita intellettuale, politica e spirituale di tutti.


I teatri sono sempre la testimonianza di vita di una città e i teatri di Milano sono stati testimoni delle storie, dei costumi culturali, delle idee, delle riflessioni sul presente, le visioni del futuro, la maestria degli artisti e dei tecnici di scena. Nei teatri di Milano è passata la vita della città in oltre 40 anni di storia recente. Per questo i teatri continuano a testimoniare il loro ruolo civile nello svolgere il proprio lavoro, perché i teatri sono sempre “aperti”, anche quando sono fisicamente chiusi, perché in loro scorre la vita attraverso le storie degli uomini.


Potete seguire l’incontro qui: www.invitoateatro.mi.it | teatripermilano@gmail.com |

www.facebook.com/InvitoATeatro/ | instagram @InvitoaTeatro |




il Teatro Menotti aderisce all'iniziativa di  U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) che invita i direttori di teatro, gli artisti e i cittadini a presidiare le sale teatrali rimaste chiuse troppo a lungo e accendere le luci dei teatri solo per una sera .
 
Lunedì 22 febbraio accenderemo simbolicamente le luci del Teatro Menotti dalle 19,30 alle 20.30 e organizzeremo, in sicurezza e nel rispetto delle norme, un presidio artistico  all'ingresso del teatro.

Invitiamo tutti a passare  in via Menotti 11 dove attori ed operatori dello spettacolo leggeranno alcune delle tante testimonianze che abbiamo raccolto con il contest Voci Sospese, dedicato proprio alla mancanza dei teatro dopo un anno di chiusura.

#pernonchiuderemaipiù




LE VOSTRE VOCI PER RIAPRIRE E NON CHIUDERE MAI PIÙ


Il Teatro Menotti lancia un contest, o meglio, una raccolta di voci e testimonianze del pubblico, per una narrazione collettiva di un anno senza teatro.


Una frase, un pensiero, a voce o scritto, che risponda ad un’unica domanda: perché ci manca il teatro?


Mancano infatti le vostre voci, quelle dei nostri spettatori, nel continuo e appassionato dibattito intorno alla chiusura dei teatri e dei luoghi di spettacolo. E sono proprio quelle le voci da ascoltare con più attenzione, perché sarà da quelle che troveremo motivi, passione, idee per la ripartenza, come e quando ci sarà.


Tutte le vostre voci formeranno la colonna sonora e visiva della riapertura del teatro completamente rinnovato, che avverrà l’8 aprile, se si potrà dal vivo, altrimenti con una grande festa virtuale.



Mandateci un messaggio vocale o scritto

tramite Whatsapp al n. 3391186882

tramite email all’indirizzo convenzioni@teatromenotti.org

sulle pagine  Facebook e Instagram del teatro




POSSIAMO SALVARE IL MONDO PRIMA DI CENA
dal libro di Jonathan Safran Foer
adattamento e regia Emilio Russo 

con Collettivo Menotti: Enrico Ballardini, Giuditta Costantini, Nicolas Errico, Helena Hellwig, Jacopo Sorbini, Chiara Tomei
dal 17 al 20 dicembre



Il Collettivo Menotti porta in scena il libro di Jonathan Safran Foer raccontando, con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica del nostro pianeta, alternando storie di famiglia, ricordi personali, episodi biblici, dati scientifici e suggestioni futuristiche. Una storia non facile da raccontare, un argomento che scuote gli animi, parole e musica potenti, capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio in cui la scienza lascerà il posto alle emozioni.


ACQUISTA ORA  SU VIVATICKET A SOLI 6€  o PRENOTA scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org  o telefonando al 3209503182




MATTATOIO N.5

       dal romanzo di KURT VONNEGUT
      adattamento e regia Emilio Russo 
con Collettivo Menotti 

Giuditta Costantini, Nicolas Errico, Jacopo Sorbini , Chiara Tomei


              DAL 10 AL 13 DICEMBRE         

              IN DIRETTA STREAMING         

      durata 1 ora  


Il Collettivo Menotti porta in scena uno dei capolavori di Kurt Vonnegut, un romanzo di fantascienza ma anche un manifesto anti-guerra.  Mattatoio n.5 racconta la storia di Billy Pilgrim, un uomo americano "alto e gracile, e fatto a forma di bottiglia di Coca-Cola" che combatte i tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale. Prima di essere catturato e trasportato a Dresda dove sarà tenuto come prigioniero, Billy si "stacca" dal tempo, cominciando a muoversi tra le diverse parti della sua vita senza un ordine particolare, viaggiando con un semplice batter d'occhio, senza alcun controllo.



Acquista  o  prenota  il biglietto o l'abbonamento Menotti Streaming ,
inserisci il  codice streaming  sulla piattaforma   https://teatromenotti.xarena.it/  qualche minuto prima dell'inizio dello spettacolo,  abbassa le luci e ... vai  a teatro!


ACQUISTA ORA  SU VIVATICKET  A SOLI 6€
o PRENOTA scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org  o telefonando al 3209503182    




Il progetto FRAGILI COME LA TERRA continua con:

MATTATOIO N.5
dal libro di Kurt Vonnegut
con Collettivo Menotti 
dal 10 al 13 dicembre


ACQUISTA ORA




POSSIAMO SALVARE IL MONDO PRIMA DI CENA
dal libro di Jonathan Safran Foer

con Collettivo Menotti 
dal 17 al 20 dicembre


ACQUISTA ORA


UN MARZIANO A ROMA

di Ennio Flaiano
regia e adattamento Emilio Russo
con  MILVIA MARIGLIANO
musiche eseguite dal vivo da Raffele Kohler
DAL 3 AL 6 DICEMBRE

      IN DIRETTA STREAMING         

durata 50 minuti
 

Dal racconto visionario di Ennio Flaiano, l'epopea tragicomica di Kunt il marziano, che atterra con la sua astronave a Villa Borghese, a Roma,  il 12 ottobre e si conclude il 6 gennaio del 1954.  A fare da controcanto alle disavventure del povero marziano, le voci di un’intera città, che prima accoglie la novità come una speranza di una possibile vita migliore e poi beffeggia, dimentica e brucia. 
A dare corpo e voce al coro dei personaggi di Un Marziano a Roma, un’attrice di talento e spessore come Milvia Marigliano accompagnata dalla musica di Raffaele Kohler

Milvia Marigliano, attrice di teatro di straordinaria esperienza e bravura, ha lavorato al cinema con  Paolo Sorrentino nella serie The Young Pope ed è stata un'intensa Rita Calore, la madre di Stefano Cucchi, nel film Sulla mia pelle di Cremonini. Nel 2015 è stata premiata dall’Associazione dei Critici del Teatro come migliore attrice protagonista.

Raffaele Kohler è il trombettista che durante il lockdown ha commosso l' Italia con i suoi concerti dal balcone. Fa parte della “Raffaele Kohler Swing Band e collabora  con  l’Orchestra di Via Padova, la Banda Osiris, Moni Ovadia, gli Afterhours, i Tony e Volumi, Giorgia, e molti altri. A San Siro il 17 ottobre 2020 ha suonato dal vivo prima del derby "Impazzisco per te", uno dei cori nerazzurri più famosi.


Acquista o prenota il biglietto o l'abbonamento Menotti Streaming,
inserisci il codice streaming sulla piattaforma  https://teatromenotti.xarena.it/ qualche minuto prima dell'inizio dello spettacolo, abbassa le luci e...vai a teatro!
 

ACQUISTA ORA SU VIVATICKET  o  PRENOTA  scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org  o telefonando al 3209503182

 



GUIDA GALATTICA PER GLI AUTOSTOPPISTI

PRIMA NAZIONALE IN DIRETTA STREAMING


DAL 26 NOVEMBRE AL 29 NOVEMBRE



Potrete andare a teatro rimanendo seduti sul divano di casa vostra.


Potrete assistere in diretta agli spettacoli previsti in cartellone e anche alle iniziative collaterali: gli incontri, gli approfondimenti, le interviste sugli argomenti affrontati nel nostro progetto, quelli sulla fragilità (sempre di più evidente) del nostro pianeta e dei suoi abitanti.

Sarà sufficiente acquistare o prenotare il biglietto, inserire il codice streaming sulla piattaforma  https://teatromenotti.xarena.it/ qualche  minuto prima dell'inizio dello spettacolo, abbassare le luci e...andare a teatro!


GUIDA GALATTICA PER GLI AUTOSTOPPISTI

di Douglas Adams

con il Collettivo Menotti:

Giuditta Costantini, Nicolas Errico, Helena Hellwig, Jacopo Sorbini, Chiara Tomei, Martino Vercesi


Una giovane compagnia, il Collettivo Menotti, mette in scena le esilaranti situazioni nonsense, piene di humour britannico e di personaggi assurdi della saga letteraria di Adams. Lo spettacolo sarà ambientato nel Ristorante al Termine dell'Universo dove le parole e la musica s'incontreranno in un grottesco cabaret spaziale.



ACQUISTA ORA SU VIVATICKET o PRENOTA  scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org  o telefonando al 3209503182



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


PROSSIMAMENTE IN DIRETTA STREAMING

UN MARZIANO A ROMA di Ennio Flaiano con Milvia Marigliano
dal 3 al 6 Dicembre
ACQUISTA ORA A 6,00 €

MATTATOIO N. 5 di Kurt Vonnegut con Collettivo Menotti
dal 10 al 13 Dicembre
ACQUISTA ORA A 6,00 €

POSSIAMO SALVARE IL MONDO PRIMA DI CENA di Jonathan Safran Foer
con Collettivo Menotti
dal 17 al 20 Dicembre 
ACQUISTA ORA A 6,00 €

                                                     


oppure PRENOTA   

           scrivendo a convenzioni@teatromenotti.org oppure telefonando al 3209503182




con il Collettivo Menotti
                        Giuditta Costantini, Nicolas Errico, Helena Hellwig, Jacopo Sorbini e Chiara Tomei

Una giovane compagnia, il Collettivo Menotti, mette in scena le esilaranti situazioni nonsense, piene di humour britannico e di personaggi assurdi della saga letteraria di Adams. Lo spettacolo sarà ambientato nel Ristorante al Termine dell'Universo dove le parole e la musica s'incontreranno in un grottesco cabaret spaziale.

                             dal 26 novembre al 6 dicembre

                   PRENOTA IL TUO BIGLIETTO A € 10,00 anziché a €15,00
           scrivendo a promozione@teatromenotti.org oppure telefonando allo 0236592544


Cari amici,
ancora una volta dobbiamo interrompere la nostra attività. In questi mesi abbiamo lavorato duramente per rendere sicuri gli spazi e darvi la possibilità di  tornare in tutta tranquillità nel vostro teatro. Non è stato però sufficiente. Dobbiamo farci da parte ancora una volta e rimandare di qualche giorno gli spettacoli e gli appuntamenti del Capitolo 2 di questa complicata stagione teatrale. 

In questo tempo sospeso continueremo a lavorare, a fare e pensare teatro, con più rabbia e più convinzione di prima,  per mantenere gli impegni presi con voi. 

E per questo, il 26 novembre alle ore 20,00 riapriremo le porte di via Ciro Menotti 11 con uno spettacolo divertente e surreale 
             



 

The Mountain

di Agrupación Señor Serrano  inserito nella stagione REALITY? di ZONA K

2/3  dicembre

Una rete di idee, storie, immagini, azioni e concetti che si mescolano creando delle connessioni inaspettate. Un'esplorazione senza mappa sul mito della verità.

 

4 SPETTACOLI A 40 € 
UTILIZZABILE ANCHE IN COPPIA
VALIDA PER TUTTA LA STAGIONE

Mattatoio n.5

di Kurt Vonnegut
con Collettivo Menotti
19/29 novembre

 

La giovane compagnia, Collettivo Menotti, porta in scena uno dei capolavori di Kurt Vonnegut, un romanzo di fantascienza ma anche un indiscutibile manifesto anti-guerra.

 

 

Possiamo salvare il mondo prima di cena 

di Jonathan Safran Foer
con Collettivo Menotti
10/20 dicembre

Una storia non facile da raccontare, un argomento che scuote gli animi, parole e musica potenti, capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio in cui la scienza lascerà il posto alle emozioni.

 

Un Marziano a Roma

di Ennio Flaiano
con Milvia Marigliano
24-25-30-31 ottobre
1 novembre

 

Un'opera carica di satira sui costumi dell'Italia del dopoguerra e sulle dinamiche culturali della Capitale. A dare voce e corpo ai personaggi di Flaiano, la grande Milvia Marigliano.


L'epopea tragicomica di Kunt il marziano, che il 12 ottobre 1954 atterra a Roma, precisamente a Villa Borghese.  A fare da controcanto alle disavventure del povero marziano, nella nostra narrazione, saranno le voci di un'intera città, che prima accoglie la novità come la speranza di una possibile vita migliore e poi beffeggia, dimentica e brucia. Le intuizioni visionarie di Flaiano anticipano l'idea di società effimera, omologata e in bilico, tra il reale e l'immaginario, alla vana ricerca di un senso al nulla virtuale che ci circonda.
A dare corpo e voce al coro dei personaggi di Un Marziano a Roma, un'attrice di talento e spessore come Milvia Marigliano accompagnata dalla tromba  di Raffaele Kohler

Milvia Marigliano, attrice di teatro di straordinaria esperienza e bravura, ha lavorato al cinema con  Paolo Sorrentino in Loro 2 e nella serie The Young Pope ed è stata un'intensa Rita Calore, la madre di Stefano Cucchi, nel film Sulla mia pelle di Cremonini. Nel 2015 è stata premiata dall'Associazione dei Critici del Teatro come migliore attrice protagonista.

Raffaele Kohler è il trombettista che durante il lockdown ha commosso l''Italia con i suoi concerti dal balcone. Fa parte della "Raffaele Kohler Swing Band e collabora  con  l'Orchestra di Via Padova, la Banda Osiris, Moni Ovadia, gli Afterhours, i Tony e Volumi, Giorgia, e molti altri. A San Siro il 17 ottobre 2020 ha suonato dal vivo prima del derby "Impazzisco per te", uno dei cori nerazzurri più famosi.

                               
       PROMO PRENOTA IL TUO BIGLIETTO A 10,00 €

  SCRIVENDO a promozione@teatromenotti.org o TELEFONANDO al  n. 0236592538

ORARI SPETTACOLI
SABATO 24 OTTOBRE ORE 20.00
DOMENICA 25 OTTOBRE ORE 16,30
VENERDI 30 OTTOBRE ORE 20,00
SABATO 31 OTTOBRE ORE 19,30
DOMENICA 1 NOVEMBRE ORE 19,30

Guida galattica per gli autostoppisti

di Douglas Adams
con Collettivo Menotti
5/15 novembre

 

Esilaranti situazioni nonsense, dissacrante humour britannico, personaggi imprevedibili ed assurdi nello spettacolo del Collettivo Menotti, tratto dalla saga letteraria di Adams.




 PRESENTAZIONE STAGIONE 20/21

VENERDI 9 OTTOBRE ORE 20,30


Appunti e riflessioni sul pianeta blu e i suoi abitanti

Nel 1972 gli astronauti dell'Apollo 17 fotografarono per la prima volta la Terra vista dallo spazio.

Un' immagine di straordinaria bellezza, finalmente non simulata, di un pianeta sospeso tra l'immensità dello spazio e l'inafferrabilità del tempo. Per la prima volta guardarsi dal di fuori non era una metafora poetica, ma una realtà oggettiva.

In questo periodo difficile in cui siamo chiamati a sfide individuali e condivise, in cui l'io deve coincidere con il noi,  l' immagine della Blu Marble è tornata inevitabilmente alla mente a ricordarci che siamo gli abitanti fragili di un pianeta fragile sommerso nel blu.

Abbiamo scelto questa immagine come manifesto del secondo capitolo della stagione 2020/2021 che si occuperà dei temi legati alla crisi ambientale, sociale e culturale del Pianeta Blu, attraverso spettacoli, letture sceniche, proiezioni cinematografiche, incontri, per un'attività che "invaderà" il teatro quotidianamente.

Metteremo in scena i capolavori della letteratura contemporanea che hanno raccontato il controverso rapporto tra la terra e i suoi abitanti. Dall'analisi spietata e poetica di Jonathan Safran Foer sulla "casa in fiamme" che non riusciamo a salvare, ai viaggi temporali e surreali di Kurt Vonnegut e il suo capolavoro Mattatoio n.5, al cult generazionale Guida Galattica per Autostoppisti, alla penna dissacrante e divertita di Ennio Flaiano con il suo Marziano a Roma.
Autori ed opere, parole e suoni per misurare la temperatura del nostro pianeta.
 
E se il futuro appare incerto ed oscurato, abbiamo comunque deciso di rivolgere lo sguardo sul presente, concentrarci sui singoli passaggi e invitare il pubblico a seguirci attraverso i capitoli di questa lunga, complicata e affascinante stagione teatrale che proseguirà a gennaio con il CAPITOLO 3.

Spettacoli importanti e grandi interpreti per un cartellone che vedrà in scena Saverio La Ruina e il suo teatro potente e necessario, Milvia Marigliano e la vita e i versi di Alda Merini, l'irriverenza di Shakespeare raccontato in 90 esilaranti minuti, la comicità dissacrante e sempre attuale degli Uccelli di Aristofane, la controversa storia della "saponificatrice di Correggio" in  Mater Dulcissima e i monologhi e le canzoni indimenticabili di Gaber in Far finta di essere sani.

Vi aspettiamo allora a teatro, VENERDI 9 OTTOBRE ALLE 20,30 per scoprire la stagione teatrale 20/21 insieme agli artisti e a tutti noi del Menotti . 



 

STAGIONE 2020/2021

PRIMO CAPITOLO
IL TEATRO MENOTTI ALL'ORTO BOTANICO
RASSEGNA ALL'IMBRUNIRE

         

Amici
domenica 19 luglio si aprirà il sipario sulla nuova stagione del Teatro Menotti. Inizierà un lungo viaggio, complesso, ma non privo di emozioni e suggestioni.
Si partirà da un luogo straordinario come l'Orto Botanico di Città Studi, in via Golgi 18,  che dal 19 luglio al 1 Agosto, grazie alla collaborazione con il Municipio di zona 3, ospiterà il Teatro Menotti con spettacoli ed appuntamenti dedicati alla narrazione e alla contaminazione tra parola e musica.
Un teatro delle emozioni che si presenterà nella sua essenzialità, dal sapore antico e contemporaneo al tempo stesso. Gli attori e i musicisti saranno al centro di una piccola platea di pubblico, senza palcoscenico e illuminati dalla luce naturale del tramonto. Spettacoli originali, alcuni presentati in prima assoluta, storie ed altre storie raccontate da importanti protagonisti della nostra scena teatrale e musicale, per un viaggio tra impegno civile, comicità d'autore e classici rivisitati.
Un teatro all'ombra dell'ultimo sole nello stile e nell'identità del Teatro Menotti, ispirato alla convinzione e all'urgenza di ricominciare.
In scena, Milvia Marigliano, Giobbe Covatta, Omar Pedrini, Maddalena Crippa, Gabriella Greison, Ulderico Pesce, Claudia Donadoni, Andrea Mirò con Enrico Ballardini e Musica da Ripostiglio.